Press
Agency

Stati generali trasporto-logistica: sfide digitale, innovazione ed ambiente

Zaccheo: "Ruolo chiave l’incremento traffico-merci su rotaia. Ue vuole raddoppio entro 2050"

Si è tenuta ieri l'assemblea di Alis (Associazione logistica dell'intermodalità sostenibile) e gli Stati generali del trasporto e della logistica. NeIl'occasione si è parlato del piano della Commissione europea per la "Strategia per una mobilità sostenibile ed intelligente", che prevede di "rendere i trasporti europei più sostenibili, inclusivi, intelligenti, sicuri e resilienti", garantendo il conseguimento degli obiettivi fissati dal Green deal europeo: la riduzione del 55% delle emissioni di gas serra entro il 2030, per arrivare alla neutralità climatica entro il 2050.

"Le innumerevoli sfide con le quali tutto il settore, oggi, è chiamato a confrontarsi, passano inevitabilmente dal perseguimento di obiettivi legati alla transizione digitale, all’innovazione tecnologica e, soprattutto, alla sostenibilità ambientale, a sua volta strettamente legata alla sostenibilità economica e sociale", ha dichiarato il presidente dell'Autorità di regolazione dei trasporti (Art), Nicola Zaccheo

"Ruolo-chiave sarà ricoperto dall’incremento del traffico-merci su rotaia che, come indicato nella succitata 'Strategia per una mobilità sostenibile ed intelligente' è richiesto che aumenti del 50% rispetto al 2015, fino ad un raddoppio entro il 2050". 

"Ma anche il contributo del settore marittimo è fondamentale al conseguimento di questi ambiziosi obiettivi. Al sistema portuale nazionale è affidata la funzione di principale interfaccia del sistema economico e produttivo con i mercati globali, oltre che un’importante funzione di connessione in ambito Mediterraneo e nazionale", ha aggiunto Zaccheo. "Il settore portuale è intrinsecamente vocato allo sviluppo di dinamiche di intermodalità, ponendosi in intimo collegamento con le infrastrutture retroportuali e con la logistica nella sua interezza". 

"Per il settore dell’autotrasporto e relativa logistica -ha concluso- è stata appena avviata una indagine conoscitiva finalizzata alla valutazione dell’opportunità di adottare nuove misure di regolazione per questo comparto così strategico. Tutti gli stakeholder sono invitati a fornire elementi informativi sulle tematiche più di interesse, quali, per citarne alcune, l’accesso di nuove imprese al mercato con autoveicoli dotati di trazione a basso inquinamento; l’efficientamento delle attese improduttive in corrispondenza di porti, scali ferroviari ed interporti; la criticità dell’attuale normativa sui trasporti in subvezione; il sistema concernente la determinazione delle tariffe minime dell’autotrasporto; i requisiti delle pertinenze di servizio relativi alle infrastrutture autostradali". 

Suggerite

"Sbloccare i fondi sulle colonnine di ricarica"

Appello al Governo dalle associazioni di settore per favorire transizione ad auto elettrica

Se si vuole promuovere l'auto elettrica in Italia occorre anzitutto potenziare le infrastrutture di ricarica, sia quelle pubbliche che quelle private. È risaputo. Ma sul fronte dei caricatori domestici... segue

Italia attira investimenti in manutenzione auto

Aumento di capitale da 1,7 milioni di Euro per piattaforma digitale

La piattaforma digitale CercaOfficina.it, che permette di ricevere preventivi e prenotare appuntamenti per riparare il proprio veicolo, ha varato un altro aumento di capitale pari a 1,7 milioni di Euro.... segue

In calo i prezzi dei carburanti

In modalità self la benzina costa 1,881 ed il diesel sta invece a 1,916 Euro/litro

Al ribasso i prezzi dei carburanti in Italia e prosegue la tendenza dei giorni precedenti. Il calo è più marcato sul diesel, mentre il prezzo della benzina è più stabile. È quanto emerge dall'elaborazione comp... segue