info

cancel

directions_boatNasce il nuovo cantiere navale Nabys e punta subito sul legno

Nella primavera del 2021 il varo dei primi 2 modelli

Fincantieri

Sarà anche vero, come recita un vecchio proverbio, che ogni legno ha il suo tarlo, ma non si può certo negare il fascino di questo materiale. Lo sa bene il nuovo cantiere Nabys che è nato a Signa, non lontano da Firenze, una realtà industriale molto promettente proprio perché vuole puntare su un’alternativa valida alla plastica. Questa filosofia è quella fatta propria da tre armatori, i quali rispondono al nome di Massimo Sabatini, Marco Margheri e Alessandro Degli Innocenti. La loro idea è quella di un cantiere navale in grado di realizzare barche capaci di soddisfare le esigenze di qualsiasi utente. Fondamentale per le prossime attività sarà anche il contributo di Mentor Shimaj, il quale vanta una esperienza decennale in Vismara Marine. I primi modelli di Nabys e che faranno conoscere meglio questo marchio toscano saranno sostanzialmente due.

Si sta parlando di Nab 10 FC e di Nab 12.50 RS. Nel primo caso, si tratta di un’imbarcazione lunga 9 metri e 90 centimetri, frutto dell’unione di intenti tra Antonio Cataldi e l’architetto Massimo Sabatini, senza dimenticare l’apporto della già citata Vismara. Il materiale di base è compensato di okumè, considerato il legno più idrorepellente in assoluto che esista in natura; inoltre, il rivestimento è ricoperto da fogli di rovere e da fibra di lino e resina epossidica. Il risultato finale è caratterizzato da un basso impatto costruttivo, oltre alla flessibilità degli interni che possono essere personalizzati in base alle esigenze delle cabine. Il Nab 12.50 RS, invece, è una barca da crociera veloce: il legno è impreziosito da finiture in tela di lino e resina ecologica. Per quel che riguarda i suoi interni, infine, ci sono due cabine doppie, una zona living con tanto di cucina e una grande cabina di prua. Per il varo si dovrà attendere il 2021, molto probabilmente il periodo compreso tra maggio e giugno.