Press
Agency

Cipess: ok ai Contratti di Programma Mims-Rfi periodo 2022-2026

Approvati investimenti infrastrutturali, ferroviari e stradali

Il Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile (Cipess) ha approvato ieri importanti misure di competenza del ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili (Mims), che consentono di accelerare l’attuazione dei progetti del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) e di realizzare opere richieste da tempo dai territori. Con questa decisione il Cipess ha approvato i due Contratti di programma-Cdp- (servizi ed investimenti) tra Mims e Rfi per il periodo 2022-2026 che regolano le attività di gestione e manutenzione della rete e gli investimenti di sviluppo e ammodernamento della rete. In questo modo, si è data attuazione ad una delle riforme del Pnrr, che ha consentito di ridurre a pochi mesi il tempo utilizzato dal Governo per definire gli investimenti ferroviari futuri, nell’ambito della pianificazione strategica presentata al Parlamento a dicembre 2021, a fronte degli anni richiesti per la definizione dei precedenti contratti pluriennali.

Il Cipess ha anche approvato: l’aggiornamento dei prezzi per le opere immediatamente cantierabili finanziate a valere sul Fondo sviluppo e coesione 2021-2027, per un valore aggiuntivo pari a 1,5 miliardi di Euro; il progetto definitivo per l’asse viario Marche-Umbria per il completamento del sistema viario Quadrilatero; l’aggiornamento del Piano economico finanziario della società Tangenziale di Napoli per il periodo 2019-2023; la realizzazione della metrotranvia Milano-Parco Nord; lo schema di decreto per la ripartizione delle risorse del “Fondo infrastrutture portuali” per finanziare opere nei porti di rilevanza nazionale.

È un giorno importante per la programmazione degli investimenti che costruiscono il futuro del Paese”, ha commentato il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, Enrico Giovannini. “Le riforme del Pnrr realizzate dal Governo hanno consentito una straordinaria accelerazione della programmazione degli interventi ferroviari: i nuovi Contratti di programma Mims-Rfi sono stati definiti in pochi mesi rispetto ai due anni che aveva richiesto l’iter nel precedente ciclo di programmazione 2017-2021, a riprova che la norma che abbiamo inserito qualche mese fa produce gli effetti sperati. Le importanti decisioni del Cipess sono il frutto di una forte collaborazione tra il Mims, il Mef, gli Uffici del ministro per il Sud e la Coesione territoriale ed il Dipartimento per la Programmazione economica della presidenza del Consiglio”.

Contratti di programma

Per quanto riguarda i Contratti di programma Mims-Rfi 2022-2026, parte servizi e parte investimenti, per la prima volta si conclude il processo di approvazione secondo le procedure previste dalla riforma introdotta dal decreto-legge 52/2021 e prevista dal Pnrr, che ha accelerato notevolmente i tempi. I nuovi contratti, il cui iter di approvazione si è concluso in soli sette mesi, recepiscono il Documento strategico della mobilità ferroviaria di passeggeri e merci (Dsmf), elaborato anche grazie alla consultazione con i principali stakeholder, su cui si sono espressi favorevolmente il Parlamento e la Conferenza unificata.

Il Contratto di programma-parte servizi regola le attività per la gestione della rete e di manutenzione dell’infrastruttura ferroviaria, in coerenza con le indicazioni del documento strategico. Il contratto, amplia il perimetro delle attività di manutenzione, prevede una programmazione delle attività nel medio periodo e provvede a finalizzare le risorse stanziate dalla legge bilancio 2022 su investimenti per la manutenzione straordinaria, pari a 5,1 miliardi di Euro, e risorse per le attività di gestione e manutenzione ordinaria per circa un miliardo di Euro all’anno per il triennio 2022-2024. Il contratto prevede inoltre alcune novità, tra cui il rafforzamento del livello di manutenzione della rete ed i criteri di valutazione della sostenibilità ambientale, economica e sociale degli interventi, oltre i necessari standard di sicurezza e resilienza dell’infrastruttura ferroviaria nazionale.

Il Cdp-parte investimenti disciplina gli obblighi intercorrenti tra lo Stato e Rfi in relazione alla contrattualizzazione delle nuove risorse finanziarie disponibili. Esso consente di realizzare le opere previste dal Pnrr ed altre opere ritenute strategiche, coerentemente con i contenuti del Dsmf, e garantisce continuità agli investimenti già compresi nel Contratto di programma (2017-2021) ancora in corso di realizzazione. Le nuove risorse previste a legislazione vigente contrattualizzate ammontano a circa 13 miliardi di Euro. In particolare, con risorse pari a 5,75 miliardi, stanziate con la legge di bilancio 2022 sulla base delle osservazioni delle Commissioni parlamentari e delle Regioni espresse in sede di Dsmf, della maturità progettuale, delle esigenze degli stakeholder e dell’urgenza degli interventi, si provvederà a finanziare i seguenti investimenti: 477 milioni per la sicurezza, adeguamento a nuovi standard e resilienza al cambiamento climatico; 768 milioni per lo sviluppo tecnologico; 404 milioni per l’accessibilità alle stazioni; 1300 milioni per la valorizzazione delle reti regionali. Sono inoltre previsti 508 milioni di Euro per programmi nelle città metropolitane, 356 milioni per porti e interporti, 1936 milioni per le direttrici di interesse nazionale.

Sempre nell’ambito del Contratto di programma sono poi previsti: 5 miliardi di Euro per l’accelerazione degli interventi per l’adeguamento a standard di alta velocità ed alta capacità della linea ferroviaria adriatica; 1,4 miliardi di Euro a valere delle risorse stanziate dal “Fondo sviluppo e coesione 2021-2027” per i diversi interventi già deliberati dal Cipess il 15 febbraio 2022; 94,6 milioni di Euro a valere sul Fondo Ferrovie di cui alla concessione sulla A22; 38,7 milioni per investimenti nelle Zone economiche speciale (Zes) in attuazione del Pnrr (misura M5C3- 11); 33,5 milioni per investimenti nei territori colpiti dal sisma 2009-2016; 759,3 milioni per nuove convenzioni o protocolli di intesa con gli Enti locali e altro.

 Aggiornamento prezzi per investimenti previsti dal Fondo sviluppo e coesione 2021-2027 

Ferrovie dello Stato Italiane

Su proposta del Mims e del ministero per il Sud e la coesione territoriale, il Cipess ha deliberato uno stanziamento di oltre 1,5 miliardi di Euro per garantire la tempestiva ed efficace attuazione del programma di interventi definito come anticipazione della nuova programmazione del Fondo sviluppo e coesione 2021-2027. In analogia con quanto previsto per le opere del Pnrr, è stato stanziato un fondo di oltre 1,4 miliardi di Euro per permettere alle stazioni appaltanti di richiedere risorse per adeguare i quadri economici delle 42 opere “bandiera” di interesse nazionale, già finanziate per circa 4 miliardi di Euro, con un incremento medio del 35%. Tra queste, figurano importanti opere ferroviarie, come il raddoppio della linea Codogno–Cremona–Mantova, la velocizzazione delle linee Roma-Pescara e Villa Massargia-Carbonia, il Nodo complesso di Bari-Nord, l’attivazione della seconda macrofase delle linea Catania-Palermo, ed opere stradali, quali l’accesso agli hub portuali di Savona e La Spezia, la realizzazione del nuovo ponte sul fiume Arno in località Lastra a Signa per la SGC Firenze-Pisa-Livorno, le opere accessorie al collegamento Roma-Latina, il collegamento tra la A2 e la variante alla SS18 ad Agropoli, la strada a scorrimento veloce del Gargano, il lotto di Scicli della nuova autostrada Siracusa-Gela. I soggetti attuatori potranno richiedere le somme necessarie, tenendo conto dell’aggiornamento dei prezzi unitari, alle strutture del Mims, che provvederanno all’erogazione sulla base delle effettive necessità e direttamente alle stazioni appaltanti.

Inoltre, per permettere l’immediata realizzazione delle opere di interesse locale, già finanziate per circa 583 milioni di Euro, sono stati previsti ulteriori 122 milioni, immediatamente disponibili per le Regioni e le Province autonome, per la realizzazione di 164 interventi. Tra questi, rientrano la manutenzione straordinaria della rete viaria e delle opere d’arte serventi per le Regioni Valle d’Aosta, Toscana, Abruzzo e Sardegna, e l’aumento della resilienza delle opere di adduzione e distribuzione della rete idrica della Regione siciliana.

Altri interventi

Progetto definitivo per l’asse viario Marche-Umbria – Il Cipess ha approvato l’intervento che prevede un investimento di 24 milioni di Euro per la realizzazione nel Comune di Civitanova di una rotatoria sulla quale si innestano le rampe di fine tratta della SS 77 e la SS 16, una rotatoria di minori dimensioni a circa 100 metri verso Sud in direzione Pescara, di connessione della viabilità locale “Via della Fontanella” con la medesima SS 16, nonché un sottopasso ferroviario in corrispondenza del passaggio a livello presente nel tratto urbano della SS 16.

Tangenziale di Napoli – Il Cipess ha approvato proposta di aggiornamento del Piano economico finanziario predisposta da tangenziale di Napoli SpA per il periodo 2019-2023 che consiste nell’adeguamento della Convenzione per recepire le modifiche del quadro regolatorio e delle norme di settore, eliminando clausole non attuali ed uniformando i testi di convenzione a quelli già approvati. Il Piano economico finanziario è in linea con le indicazioni dell’Autorità di regolazione dei trasporti (Art) ed il programma d’investimenti è stato predisposto tenendo conto delle esigenze di adeguamento delle infrastrutture.

Metrotranvia Milano Parco Nord – Il Cipess, su richiesta della Città metropolitana di Milano in relazione all’intervento “Metrotranvia Milano Parco Nord-Seregno”, ha autorizzato l’incremento del contributo statale da 128 milioni a 160 milioni di Euro (con una percentuale di contribuzione da parte dello Stato del 62% rispetto al costo totale dell’opera) allo scopo di coprire i maggiori costi che si sono determinati a seguito di varianti intervenute in sede di progettazione esecutiva.

Ripartizione “Fondo infrastrutture portuali” per il porto di Ortona – Il Comitato ha espresso parere favorevole sul decreto finalizzato all’assegnazione delle risorse pari a 34 milioni di Euro per il porto di Ortona a valere sul "Fondo per le infrastrutture portuali", destinato a finanziare le opere infrastrutturali nei porti di rilevanza nazionale. Si tratta di interventi di potenziamento e ampliamento del porto e prevedono la riqualificazione della Banchina di Riva per migliorare l’operatività portuale adeguandola agli standard delle moderne imbarcazioni mercantili e la ristrutturazione del Molo Martello.

Informative - Il Mims ha illustrato al Cipess la relazione informativa relativa al 2021 sul contratto di servizio Trenitalia per il trasporto ferroviario di passeggeri a media e lunga percorrenza 2017-2026, sull’attuazione del programma Grandi Stazioni per la realizzazione di infrastrutture complementari, sulla nuova linea ferroviaria Torino-Lione e sulla rimodulazione delle risorse per il Mose per interventi di completamento dell’infrastruttura e di salvaguardia della laguna di Venezia, paesaggistici e di compensazione.

Suggerite

Mobilità.news augura a tutti Buon Ferragosto

L'agenzia resterà chiusa da domani e riaprirà lunedì 22

Mobilità.news comunica ai suoi abbonati, collaboratori e fan dei social media che l'agenzia resterà chiusa da domani venerdì 12 agosto, in occasione della pausa estiva.L'agenzia riaprirà regolarmente con... segue

14 agosto 2018: crollo ponte Morandi a Genova; 43 morti

Poi la demolizione e la costruzione in due anni del Ponte San Giorgio

Il "Morandi" è stato un ponte autostradale che scavalcava il torrente Polcevera ed i quartieri di Sampierdarena e Cornigliano, nella città di Genova. Fu progettato dall'ingegnere Riccardo Morandi e ve... segue

Fs italiane, Spagna: prove tecniche Frecciarossa 1000

Primi collegamenti entro fine anno

Prendono il via le prove tecniche del Frecciarossa 1000 sulla linea ferroviaria fra Madrid e Barcellona.Ilsa, consorzio partecipato da Trenitalia (Gruppo Fs italiane), sta infatti eseguendo i test sui... segue