Press
Agency

Tesla richiama oltre un milione di auto elettriche

La causa riconducibile ai finestrini che potrebbero non funzionare correttamente

La casa automobilistica statunitense Tesla sta richiamando quasi 1,1 milioni di auto elettriche a causa di un presunto malfunzionamento sui finestrini. Nello specifico, il costruttore di Austin teme che il sistema di inversione automatica su quattro modelli di portiere potrebbe non funzionare correttamente. 

Si tratta, va detto, di una mossa che il costruttore americano ha preso per precauzione. Infatti, la società ha affermato che non è a conoscenza, almeno al momento, di lesioni o incidenti causate ai passeggeri. Tuttavia, secondo i dati della National Highway Traffic Safety Administration (Nhtsa), nel solo 2022 Tesla ha intrapreso 14 richiami che hanno interessato oltre 3,5 milioni di veicoli.

L'ultimo richiamo potrebbe influire negativamente sui mercati, attirando l'attenzione degli investitori dediti ai fondi Esg (Environmental, Social and Governance). Si tratta di una categoria di investitori finanziariamente importante per l'industria automobilistica, poiché scommettono in base a criteri di sostenibilità aziendale (ambientale, sociale e di governance). Perciò potrebbero guardare Tesla con occhio diverso, in termini di qualità e sicurezza dei prodotti.

La situazione allarma. In quanto, secondo i dati del Dow Jones Sustainability Scores, sotto il profilo delle politiche di qualità e sicurezza dei prodotti, Tesla è al penultimo posto su 48 case automobilistiche nel mondo. E ciò, nonostante i richiami dell'industria siano siano molto inferiori a quelli dei competitor come Ford (7,5 milioni di veicoli nel 2022).

Suggerite

All'orizzonte c'è Hopium Machina, la supercar all’idrogeno firmata Olivier Lombard

Annunciato il prototipo della nuova vettura categoria Zev -VIDEO

Il vincitore della 24 Ore di Le Mans 2011, Olivier Lombard, e fondatore di Hopium, casa automobilistica francese nata nel 2019, arricchisce il parco auto con la nuova supercar ad idrogeno Hopium Machina.... segue

Provincia Varese sperimenta più sicurezza su autobus, treni e nelle stazioni

Stretto oggi l'accordo fra Regione Lombardia, Prefettura e Polizia locale

Agenti circoleranno oltre che sui treni anche a bordo degli autobus, dove sempre più frequentemente si registrano episodi di microcriminalità a danno di passeggeri e personale viaggiante

Da domani stop alle mascherine sui mezzi pubblici

Decade dal primo ottobre l’obbligo su treni, metro e bus

In mancanza di un’ulteriore proroga del Governo, i dispositivi FFP2 non dovranno essere esibiti su mezzi pubblici, treni (regionale, intercity ed alta velocità), autobus e metro. Dopo due anni pertanto, te... segue