info

cancel

trainSindacati preoccupati per le mancate nomine Fs

Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti scrivono ai ministri di Economia (Gualtieri) e Infrastrutture (De Micheli)

Ferrovie dello Stato Italiane

"Forte preoccupazione" per le mancate nomine ai vertici delle società controllate del gruppo Fs. A manifestarla sono i segretari generali di Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti, Stefano Malorgio, Salvatore Pellecchia e Claudio Tarlazzi in una lettera inviata ai ministri dell'Economia, Roberto Gualtieri, e dellle Infrastrutture e trasporti, Paola De Micheli

"In questi giorni abbiamo appreso dagli organi di stampa della mancata definizione, all'interno delbcda del Gruppo Fsi, dei vertici delle principali società come Rfi e Trenitalia. A questo proposito evidenziamo la nostra forte preoccupazione per la situazione che si è venuta a determinare nel Gruppo Fsi e in particolare nelle sue più grandi società, come RFI, Trenitalia, Polo Mercitalia, nelle quali si fa fatica a fare pianificazione industriale. Questo rappresenta - sottolineano i tre segretari generali nella missiva - in questa fase di crisi sanitaria, un rischio di tenuta per una delle maggiori realtà produttive del paese e che dà lavoro ad oltre 100.000 persone compreso l'indotto ed il mondo degli appalti". 

"Confidando nella responsabilità di tutti i soggetti interessati, ci aspettiamo - sottolineano Malorgio, Pellecchia e Tarlazzi - che questa fase di stallo e di immobilismo che rallenta, di fatto, quando non blocca completamente i processi strategici delle società in una fase così delicata per il Paese, e che genera tanta incertezza tra i lavoratori, possa essere superata quanto prima. In assenza di una risoluzione naturale delle criticità auspichiamo un vostro autorevole intervento affinché siano ripristinate, al più presto, condizioni di normalità".