info

trainRaddoppio ferroviario Palermo-Catania, il programma Rfi: opera pronta entro il 2028

La situazione di questa importante infrastruttura ed il programma degli investimenti ferroviari in Sicilia

Ferrovie dello Stato Italiane

Procedono speditamente i lavori per il raddoppio ferroviario della tratta Bicocca-Catenanuova, facente parte dell'itinerario Palermo-Catania a sua volta inserito nel corridoio europeo TEN-T Scandinavo-Mediterraneo. In particolare, è in ottimo stato di avanzamento la costruzione del viadotto di 373 metri situato nei pressi della stazione di Catenanuova, con le pile già pronte e la campata metallica prossima al varo. Quest’opera, grazie ad un'ampia curva in variante di tracciato, consentirà di raggiungere velocità massime di 180 km/h. L'impresa esecutrice è la Webuild, colosso internazionale delle Opere Pubbliche nato dalla fusione di Salini-Impregilo con Astaldi.

Per completare il raddoppio dell'intera linea occorre realizzare il secondo binario fino a Fiumetorto, sulla costa tirrenica, dove la linea confluisce nella Palermo-Messina, già raddoppiata da Fiumetorto a Palermo (43,22 km). Si tratta di 143,36 km di nuova ferrovia, di cui 64,71 in galleria e 15,30 su viadotto; a questi va aggiunta la tratta attualmente in costruzione per 37,90 km. Si realizzerà in tal modo un itinerario con velocità massime comprese tra 160 e 200 km/h, per una lunghezza complessiva di 231,79 km.

Da Palermo Centrale a Catania Centrale. L'intero intervento costerà 5,6 miliardi di Euro. Per quanto riguarda le tratte in progetto, è già in corso l'iter autorizzativo in Conferenza di Servizi per i lotti Catenanuova - Dittaino e Dittaino - Enna. Quest'ultimo lotto prevede la nuova stazione di Enna, che sarà ubicata in prossimità dell'area di servizio Sacchitello sud sull'autostrada A19.

I progetti definitivi delle rimanenti tratte fino a Fiumetorto (Enna-Caltanissetta Xirbi, Caltanissetta Xirbi-Lercara Diramazione e Lercara Dir.ne-Fiumetorto) saranno vistati dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e portati in Conferenza dei servizi entro giugno 2021. Si prevede l’approvazione dei progetti e l’appalto per la progettazione esecutiva e la realizzazione delle opere entro l’anno o, al massimo, entro i primi mesi del 2022.

Il programma dei lavori prevede quindi l’attivazione di un primo binario veloce nel biennio 2025-2026 ed il completamento con l’attivazione del secondo binario entro il 2028. Quest'ultimo binario sarà quello già esistente, riammodernato e velocizzato: una soluzione che consentirà il mantenimento del servizio nelle stazioni secondarie della linea, riservando al binario veloce i collegamenti intercity e regionali veloci, oltre al traffico merci.

L'intero programma RFI prevede investimenti per 25 miliardi di Euro su tutto il territorio nazionale, di cui 16 solo in Sicilia. Oltre al raddoppio della Palermo-Catania e della Catania-Messina, in fase di appalto a completamento del corridoio TEN-T, il programma RFI prevede nell’isola i seguenti interventi: