info

directions_boatMaersk Essen perde 750 container nell'oceano in tempesta

L'incidente del 16 gennaio comunicato solo oggi

Fincantieri

Dopo la nave One Apus, adesso anche la Maersk Essen cade vittima di condizioni metereologiche avverse. La notizia sull’incidente circolava da giorni, la conferma del gruppo danese è arrivata solo ora. "Siamo spiacenti di annunciare che Maersk Essen, battente bandiera danese, da 13.100 Teu in rotta da Xiamen, Cina, a Los Angeles, California, sul servizio TP6 Asia-Costa occidentale degli Stati Uniti di Maersk, ha subito mare mosso durante la sua traversata del Pacifico settentrionale il 16 gennaio 2021, perdendo circa 750 container in mare. Tutti i membri dell’equipaggio sono al sicuro e una valutazione dettagliata del carico è in corso, mentre la nave continua il suo viaggio. La Guardia costiera degli Stati Uniti, lo Stato di bandiera e le autorità competenti sono state informate".

Il comunicato di Maersk aggiunge: "Consideriamo questa una situazione molto grave, per questo motivo ci saranno indagini rapide e approfondite. Le operazioni e la sicurezza delle navi sono la nostra massima priorità e adotteremo tutte le misure necessarie per ridurre al minimo il rischio che incidenti simili possano verificarsi in futuro. Un piano di comunicazione per interagire con i clienti e un servizio per ricevere i loro reclami sono stati attivati con urgenza".

La nave Maersk Essen è stata costruita nel 2010 ed è registrata in Danimarca: misura 366 metri di lunghezza ed è di 141.000 tonnellate lorde. Opera sul servizio TP6 che collega l’Asia e la costa occidentale degli Stati Uniti con scali a Cai Mep (Vietnam, Kwai Chung (Hong Kong), Yantian (Cina), Xiamen (Cina) e Los Angeles (USA). L’incidente arriva solo pochi mesi dopo che la portacontainer ONE Apus ha perso quasi 2.000 container nell’oceano Pacifico durante un viaggio a Long Beach il 30 novembre 2020.