Press
Agency

Targhe estere per spendere meno di Rc auto: questi i rischi

Multe salate e confisca veicolo con sanzioni fino a 2848 Euro per chi infrange la legge

Multe salate e confisca del veicolo sono i rischi in cui possono incorrere i cittadini che risiedono in Italia ma che utilizzano da tempo vetture con targhe di immatricolazione ceche o comunque straniere. Per evitare problemi del genere occorre che i proprietari dei veicoli immatricolino la vettura in Italia o richiedano alla motorizzazione la possibilità di esportare il mezzo. 

Ma perché queste vetture recano targhe estere e circolano da anni sulle strade italiane? Si tratta di una pratica che consente agli automobilisti di assicurare il proprio veicolo pagando cifre anche di molto inferiori rispetto a quanto sarebbe loro possibile se la vettura fosse immatricolata in Italia. Solo che tale pratica implica il rischio di prendere multe comprese tra 712 e 2848 Euro per chi infrange la legge. 

Inoltre, la motorizzazione può emettere un divieto di proseguire la guida: a quel punto i conducenti devono immatricolare il proprio veicolo in Italia od ottenere l’autorizzazione ad esportare il proprio veicolo fuori dal territorio italiano entro 180 giorni dalla violazione. E nel caso in cui l’auto proviene da una società di noleggio o leasing, il conducente deve esibire i documenti, altrimenti rischia una multa.

Dal 21 marzo 2022, infatti, è consentito circolare in Italia con targhe straniere soltanto se l’utente ha a bordo del veicolo i documenti previsti. Insomma, chiunque vive in Italia e possiede un’auto con targa estera può guidare nel territorio italiano per tre mesi, dopo tale scadenza il veicolo dovrà essere immatricolato in Italia o trasportato all’estero.

Suggerite

Il settore della micromobilità in sharing è a rischio?

"I dati dimostrano che monopattini non necessitano obbligo casco"

Il futuro della mobilità in sharing in Italia rischia un forte ridimensionamento. Dopo l’approvazione alla Camera dei deputati lo scorso 27 marzo, il DdL 1086 sul nuovo Codice della strada, in caso di... segue

Tensioni sui dazi auto cinesi (2)

Bruxelles: "Garantiremo concorrenza leale"; Cina: "Difenderemo nostri interessi legittimi"

Le reazioni globali non si sono fatte attendere. La decisione della Commissione europea di aumentare dal 4 luglio i dazi (fra il 7,4% ed il 38,1%) sulle auto elettriche prodotte in Cina ha alimentato le... segue

Primo sì di Bruxelles su dazi per auto cinesi

Nuove tariffe comprese fra 7,4% e 38,1%

L'importazione in Europa di auto elettriche prodotte in Cina dal 4 luglio potrebbe costare molto più cara. È quanto ha deciso nelle scorse ore la Commissione europea, disponendo l'applicazione di nuovi d... segue