info

directions_carAuto elettriche: Italvolt assume 4 mila figure per produrre batterie

In Piemonte sta per sorgere uno stabilimento di grandi dimensioni

In Piemonte sta per essere avviata la fabbrica per la produzione di batterie per veicoli elettrici che avrà le più grandi dimensioni del continente europeo: si tratta della Gigafactory di Italvolt, azienda che ora sta prevedendo l’inserimento di 4 mila persone, una serie di assunzioni molto promettenti. Lo stabilimento di cui si sta parlando avrà sede a Scaramagno, in provincia di Torino, nell’area occupata in passato da Olivetti. Quali sono le opportunità professionali a cui si sta facendo riferimento? Tutto lascia presagire che Italvolt sia alla ricerca di operai in particolare, oltre ad una serie di figure professionali specifiche. Tutti gli assunti verranno impiegati nell’area di produzione e stoccaggio delle batterie che poi serviranno per l’alimentazione delle autovetture. Nella struttura piemontese, poi, è prevista la costruzione di un laboratorio ad hoc, per la precisione per la ricerca e lo sviluppo di questo settore che sta conquistando sempre più favori e consensi. Anche nel laboratorio, dunque, si dovrebbero formare altre figure da assumere. Oltre agli inserimenti diretti, con l’apertura dello stabilimento Italvolt si creeranno molti posti di lavoro grazie all’indotto. La stima preliminare che sta circolando in questo momento è quella di circa 14 mila assunzioni, in special modo nell’ambito dell’approvvigionamento e della distribuzione. Italvolt è stata fondata da un industriale esperto di automotive, Lars Carlstrom, a sua volta fondatore di Britishvolt che, come si intuisce dal nome, è sorta in Gran Bretagna. La sede centrale dell’azienda italiana si trova a Milano ed il suo obiettivo principale è proprio quello di costituire la fabbrica in cui nasceranno le batterie a ioni di litio. Per la presentazione delle candidature, comunque, si dovrà ancora attendere del tempo, dunque il consiglio è quello di tenere sotto controllo il sito web aziendale.