info

directions_carMotociclismo: è morto Fausto Gresini, manager dell'omonima scuderia

Da dicembre era ricoverato per covid

Un semplice tweet per annunciare quello che nessuno voleva leggere, ma a cui purtroppo era pronto: se n’è andato Fausto Gresini, ex pilota e manager della scuderia motociclistica che porta il suo nome. Aveva 60 anni ed era ricoverato da tempo a causa del covid. La lotta è durata due mesi e le speranze si sono affievolite con il trascorrere delle settimane e con il peggioramento delle condizioni cliniche. Lo stesso team ha così scritto sul social: “La notizia che non avremmo mai voluto darvi e che siamo costretti a scrivere. Dopo due mesi di lotta al covid, Fausto Gresini ci lascia con 60 anni appena compiuti, Ciao Fausto”. Era ricoverato da dicembre presso l’Ospedale Maggiore di Bologna e già nel corso della serata di ieri, lunedì 22 febbraio 2021, si erano diffuse alcune voci sulla sua scomparsa. La smentita ha lasciato spazio poi alla conferma del decesso, visto che ormai Gresini era in condizioni critiche.

Il figlio Lorenzo si era scagliato contro gli annunci online che avevano anticipato la notizia: “Voglio ringraziare la stampa che ha avuto così tanto tatto nel comunicare e divulgare una notizia non verificata, siete proprio avvoltoi! Il mio grande babbo sta molto male, ma il suo giorno non sarà oggi!”. L’ex pilota aveva vinto due titoli mondiali della classe 125: ritiratosi alla fine della stagione 1994, aveva fondato il team Gresini Racing, di cui è stato anche manager. Come team manager del team, ha vinto tre titoli iridati nelle categorie minori: nella classe 250 col giapponese Daijirō Katō nel motomondiale 2001, con Toni Elias nella stagione 2010 in Moto2 e nel 2018 con Jorge Martín in Moto 3. Con il suo team ha partecipato ininterrottamente nella classe regina della MotoGP dal 2002 al 2020 (fino al 2014 con la Honda, dal 2015 con l'Aprilia) e le migliori stagioni in assoluto sono state il 2004 e il 2005, chiuse al secondo e terzo posto iridato con Sete Gibernau, Colin Edwards e Marco Melandri.