Mobilità elettrica in India, partnership strategica per Enel X

Siglata joint-venture con Sterling and Wilson

Ferrovie dello Stato ItalianeFerrovie dello Stato Italiane

Enel X ha deciso di guardare con fiducia e convinzione ad Est. L’azienda ha appena sottoscritto un accordo con Sterling and Wilson, compagnia che fa parte del Gruppo ingegneristico indiano Shapoorji Pallonji. Le parti hanno dato vita ad una joint-venture per rendere più semplice e veloce la diffusione delle auto elettriche in India, a conferma del fatto che questa alimentazione “green” sta convincendo sempre più Paesi in tutto il mondo. L’obiettivo è quello di unire le forze, nello specifico, il know-how tecnologico e l’esperienza che è stata maturata fino a questo momento nella mobilità di tipo elettrico. Non si dovrà attendere troppo per comprendere quali saranno gli effetti della collaborazione. Dal prossimo mese di aprile, infatti, si procederà con le prime soluzioni energetiche avanzate ed i progetti collegati, senza dimenticare l’adozione di infrastrutture di ricarica nel subcontinente indiano. Francesco Venturini, ad di Enel X, ha così commentato la strategia: “Questa partnership rappresenta un importante passo avanti nella nostra strategia di transizione energetica. Stiamo guidando la diffusione della mobilità elettrica in diversi mercati globali, incluso in Europa e Nord America, e siamo entusiasti di lavorare con Sterling and Wilson, ufficializzando il nostro ingresso nel mercato indiano”.  Venturini ha poi aggiunto come verranno compiuti fondamentali passi in avanti verso un futuro più pulito e sostenibile. La joint-venture di cui si sta parlando sarà focalizzata sulle ricariche pubbliche e private, con benefici per una platea molto ampia di automobilisti. Le soluzioni di ricarica, tra l’altro già riconosciute a livello globale tramite piattaforme specifiche, verranno vendute e distribuite grazie alla concessione in licenza da parte di Enel X, con tanto di adeguamento alle esigenze dell’India, Nazione che ha fatto parte delle cosiddette economie mondiali emergenti.