Regione Veneto promuove tavolo sulla logistica

Il settore è diventato sempre più strategico

Anas Anas

Si è tenuto nei giorni scorsi un tavolo collegato al tema della logistica promosso dall’assessore al lavoro, Elena Donazzan, supportata dall’Unità di Crisi regionale e dalla Direzione Lavoro, che ha visto la partecipazione di tutte le associazioni datoriali più rappresentative del Veneto. L’incontro ha avuto l’obiettivo di analizzare la situazione della logistica, un settore sempre più strategico anche nelle dinamiche economiche del Veneto, regione nella quale ha assunto una crescente importanza. Nell’occasione l’assessore Donazzan ha espresso la necessità di condividere azioni comuni in questo settore al fine di valorizzarne gli aspetti e le caratteristiche più importanti, e soprattutto limitare al massimo le situazioni di criticità e di dumping sociale riscontrate in alcuni casi. La disamina del settore della logistica fa emergere la necessità di un confronto con tutte le parti coinvolte, anche con il mondo sindacale e con le istituzioni preposte al controllo e regolamentazione del settore. L’invito della Regione è stato condiviso dal mondo datoriale che ha confermato la necessità e l’opportunità di confronto con tutte le parti coinvolte.

L’attività della Regione del Veneto sarà, quindi, indirizzata a trovare un momento di condivisione con tutte le parti interessate. È proprio degli ultimi giorni, la notizia dell’espansione di Amazon, multinazionale americana del commercio elettronico, in Veneto. Il nuovo hub di distribuzione è stato progettato vicino al casello autostradale di Meolo (provincia di Venezia). I sindaci cercano il dialogo, anche se gli abitanti hanno tanti dubbi: che tipo di lavoro porterà? E come si vivrà accanto a un centro nevralgico in funzione 24 ore al giorno e 7 giorni su 7? Sorgono poi all'orizzonte problemi viari, ambientali e idraulici. Tutte le fasi progettuali saranno valutate sotto ogni profilo: viabilistico, ambientale e dell’impatto paesaggistico. I privati hanno depositato la loro istanza a inizio anno: un capannone di altezza massima 22 metri su una superficie coperta di 59 mila metri quadrati vicino al casello di Meolo, trasformando con infrastrutture, parcheggi, bacini di laminazione e nuova viabilità, un’area di complessivi 180 mila metri quadrati.