Fs, collocato oggi il terzo green bond da 1 miliardo di Euro

L'operazione è la più grande del gruppo: servirà per acquistare nuovi treni regionali e a lunga percorrenza

Fs ha emesso il suo terzo green bond per un valore nominale di 1 miliardo di Euro e durata pari a 7 anni. Destinato all’acquisto di nuovi treni regionali e lunga percorrenza, l'operazione conclusa oggi rappresenta è il più grande green bond collocato finora dal gruppo con cedola più bassa di sempre, per un’emissione pubblica di FS, fissata allo 0,375%, e spread finale di 60 punti base sopra il tasso mid-swap di riferimento. Gli ordini complessivi sono stati pari a circa 1,75 miliardi di Euro, provenienti da circa 90 investitori, con una forte domanda dall’Italia e circa il 35% dall’estero, lead order da Italia e Francia.

Degli ordini allocati circa il 75% è pervenuto da investitori esg, impegnati verso i temi della sostenibilità. Tutti i progetti finanziati dal green bond assicurano, infatti, miglioramenti dell’efficienza energetica, riduzione delle emissioni di CO2 e lo shift modale verso il treno.

L’emissione di oggi è il terzo green bond di FS Italiane, dopo i due collocati nel 2017 e 2019, e sarà dedicato al finanziamento degli Eligible Green Projects secondo quanto previsto dal Green Bond Framework di Fs: in particolare quasi l’80% dei proventi finanzierà l’acquisto dei treni regionali Pop e Rock e il restante sarà dedicato ai treni alta velocità Etr 1000, in parte impiegati per la prima volta anche in Spagna.

Per questa operazione Fs Italiane vede confermata la certificazione dalla Climate Bonds Initiative, organizzazione no profit che promuove a livello mondiale la finanza sostenibile come strumento per contrastare i cambiamenti climatici. La certificazione della CBI e i progetti finanziati da Fs Italiane confermano il forte impegno di Fs sui temi ESG, promosso dal gruppo attraverso operazioni di finanza sostenibile.

Deutsche Bank, Goldman Sachs International, IMI-Intesa Sanpaolo, ING, Morgan Stanley, NatWest Markets, Santander e UniCredit hanno agito in qualità di Joint Lead Managers e Joint Bookrunners nel collocamento del titolo.

L'operazione appena conclusa rientra nella strategia approvata dal consiglio d'amministrazione di Fs Italiane il 23 febbraio scorso. Il cda, nella riunione, ha deliberato di puntare a 2,9 miliardi di Euro di nuovi finanziamenti giusto tramite l’emissione di bond e il ricorso ad altri strumenti. Il cda ha anche approvato l’ampliamento in corso d’anno del plafond del Programma EmtnN fino a 9 miliardi di Euro, dagli attuali 7 miliardi di Euro: le emissioni, a valere sul programma Emtn quotato presso la Borsa valori di Dublino, saranno riservate agli investitori istituzionali. I proventi raccolti sul mercato nel 2021 finanzieranno i fabbisogni per investimenti del gruppo. In particolare saranno destinati all’acquisto di nuovi convogli per il trasporto passeggeri regionale e per quello a media e lunga percorrenza, anche in ambito internazionale, oltre che all’infrastruttura ferroviaria ad alta velocità.