Linea ferroviaria Brennero: prima seduta altoatesina della CAB

Per il 2021 il programma è all’insegna dell'Anno europeo del treno

All'inizio dell'anno l'Alto Adige ha assunto la Presidenza della Comunità d’azione Ferrovia del Brennero (CAB) per il biennio 2021/22 precedentemente ricoperta dalla Baviera. La CAB è composta da Baviera, Tirolo, Province di Bolzano, Trento e Verona, nonché dalle rispettive Camere di Commercio ed è impegnata nel miglioramento della ferrovia del Brennero. Il 25 marzo si è svolto il primo incontro di lavoro sotto la Presidenza altoatesina.

Focus su ferrovia e digitalizzazione

In occasione dell’ultimo incontro sotto la guida della Baviera, che ha avuto luogo in gennaio, l'assessore alla mobilità Daniel Alfreider e il presidente della Camera di Commercio, Michl Ebner, rispettivamente attuali presidente e vicepresidente della CAB, hanno presentato l'ampio programma di lavoro della Presidenza altoatesina. L'Alto Adige persegue un approccio complessivo che punta ad una mobilità integrata lungo il corridoio del Brennero con l'obiettivo di spostare su rotaia il traffico merci e passeggeri. Per l'anno 2021, il programma è all’insegna dell'Anno europeo della rotaia, mentre nel 2022 l'attenzione sarà incentrata sulla digitalizzazione nel trasporto ferroviario.

Passaggio dalla strada alla ferrovia

La sessione di lavoro del 25 marzo si è occupata in particolare delle strutture dei terminal per il traffico merci, parte essenziale del passaggio dalla strada alla ferrovia. All’incontro hanno prso parte anche i rappresentanti delle stazioni intermodali “Quadrante Europa” di Verona e “Interbrennero” di Trento. Nel corso degli interventi è stato fatto un quadro dell’attuale situazione nelle stazioni ferroviarie ed è stato evidenziato il problema del quadro normativo nel trasporto combinato. Per la Presidenza altoatesina la direttiva UE 92/106 di 29 anni sul trasporto combinato rappresenta una leva decisiva per un maggiore traffico merci sulla ferrovia sull'asse del Brennero. Le misure normative ed economiche di questa direttiva non sono più ritenute all'altezza per raggiungere l'ambizioso obiettivo di trasferire parte del traffico pesante. L’assessore provinciale Alfreider e il presidente della Camera di Commercio Ebner sono convinti che l'obiettivo politico della presidenza altoatesina della CAB sia quello di elaborare una posizione comune in merito al corridoio del Brennero al fine di apportare modifiche adeguate alla direttiva sul trasporto combinato a livello dell’UE.

Una nuova immagine per la CAB

"Nel corso della recente seduta della Presidenza altoatesina è stato conferito l’incarico di elaborare una “position paper” coordinata", ha affermato l’assessore Alfreider. Il presidente della Camera di Commercio, Ebner ha sottolineato: "Abbiamo urgente bisogno di uno spostamento competitivo del traffico dalla strada alla ferrovia. Il prerequisito per questo è il funzionamento delle stazioni di carico". La CAB nel 2021 celebra il suo 30° anniversario ed a questo scopo è stata rinnovata anche graficamente l’immagine della Comunità d’Azione con un nuovo logo che rappresenta una "B" stilizzata, composta da cinque sezioni, che rappresentano i cinque Paesi e le Camere di Commercio presenti lungo il corridoio del Brennero. Di seguito sia il sito web che il periodico "transfer" saranno adeguati al nuovo design.