Gruppo FS sottoscrive nuove obbligazioni con Eurofima

Emissione in private placement per 250 milioni di Euro

Ferrovie dello Stato ItalianeFerrovie dello Stato Italiane

È il finanziamento di maggiore durata realizzato da FS Italiane nel corso degli ultimi quindici anni, con proventi destinati al rifinanziamento di investimenti per treni impiegati nel pubblico servizio a media-lunga percorrenza in Italia di Trenitalia. Ferrovie dello Stato ha infatti finalizzato con Eurofima una nuova emissione obbligazionaria in private placement per 250 milioni di Euro a tasso variabile e durata ventennale, con scadenza aprile 2041. I treni oggetto del finanziamento sono allineati ai criteri della Tassonomia Europea, e contribuiscono positivamente alla sostenibilità ambientale e sociale promuovendo il modal shift to rail. L'Eurofima, Europäische Gesellschaft zur Finanzierung von Eisenbahnmaterial (Società europea per il finanziamento del materiale ferroviario), è una società finanziaria con sede a Basilea. Aderirono all'Eurofima fin dalla sua costituzione quali azioniste le Ferrovie Federali tedesco-occidentali (DB), la Società Nazionale delle Ferrovie Francesi (SNCF), le Ferrovie dello Stato italiane (FS), la Società Nazionale delle Ferrovie Belghe (SNCB), le Ferrovie Olandesi (NS), la Rete Nazionale delle Ferrovie Spagnole (RENFE), le Ferrovie Federali Svizzere (FFS), la Comunità delle Ferrovie Jugoslave (JŽ), le Ferrovie dello Stato Svedesi (SJ), la Società Nazionale delle Ferrovie Lussemburghesi (CFL), le Ferrovie federali Austriache (ÖBB), la Compagnia delle Ferrovie Portoghesi (CP), le Ferrovie dello Stato Greche (OSE), le Ferrovie Statali della Repubblica Turca (TCDD), le Ferrovie dello Stato Danesi (DSB) e le Ferrovie dello Stato Norvegesi (NSB). L'Eurofima si procura i capitali necessari alla propria attività, indipendenti dal proprio capitale sociale, sui mercati nazionali di capitale (prevalentemente europei) e su quello internazionale europeo. Essa acquista il materiale rotabile direttamente, tramite gare internazionali, o per il tramite delle aziende ferroviarie a essa aderenti, che lo ricevono tramite contratti di leasing o a credito.