Nuova sede della Protezione Civile nella stazione di Besnate

Locali concessi da RFI in comodato d'uso gratuito

Nella stazione di Besnate (provincia di Varese) c’è una nuova sede della Protezione Civile inaugurata oggi, sabato 19 giugno. Rfi e Comune hanno infatti sottoscritto un contratto di comodato d’uso per l’utilizzo gratuito da parte dell'Amministrazione comunale di quattro locali al piano terra, e altri al primo piano del fabbricato viaggiatori, da destinare alle attività dopo le operazioni di riqualificazione degli spazi realizzate da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS) e un investimento economico di circa 400 mila Euro. Grazie alla formula della cessione in comodato la collettività viene arricchita di strutture di servizio, garantendo al tempo stesso un presenziamento in stazione con effetti positivi anche in termini di qualità e decoro. Lo scopo di questo tipo di accordi stipulati tra il Terzo settore e RFI è valorizzare gli spazi e le aree delle stazioni non più funzionali alle attività ferroviarie. Lo sviluppo tecnologico del sistema ferroviario consente infatti di gestire e controllare in sicurezza la circolazione dei treni da postazioni remote, rendendo non più necessaria la presenza fisica del personale in ogni stazione. Comuni, Enti locali e Associazioni no profit possono così utilizzare le stazioni per ospitare attività sociali, istituzionali, associative, culturali o di assistenza e avviare progetti che abbiano ricadute positive sul territorio e per la qualità degli edifici ferroviari. La stazione di Besnate è una fermata ferroviaria posta lungo la linea Luino-Milano, a servizio dell'omonimo comune. Il piazzale binari è composto da un solo binario passante, servito da una banchina. Prima della realizzazione del CTC l'impianto era una Stazione, con due binari. È stata trasformata in fermata nel 1994, data la vicinanza con la Stazione di Gallarate. La fermata è servita da treni della linea S30 della rete celere del Canton Ticino, eserciti da TiLo a frequenza bioraria, intercalati da treni regionali Luino–Gallarate di Trenord, anch'essi a frequenza bioraria, per una frequenza complessiva di un treno ogni ora per direzione.

Nascondi tra 5 secondi volume_off cancel