Press
Agency

Approvato finanziamento per variante ferroviaria della Val di Riga

L’opera è strategica per le Olimpiadi del 2026

Il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica e lo Sviluppo Sostenibile (Cipess) ha approvato l’aggiornamento per gli anni 2020 e 2021 la parte degli investimenti nel Contratto di Programma tra Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) e Rete Ferroviaria Italiana. Rfi può disporre e contrattualizzare nuovi finanziamenti per 31,69 miliardi di Euro in attuazione dei progetti inseriti nel Piano Nazionale die Ripresa e Resilienza (Pnrr).

È stata confermata in questo pacchetto con una somma di investimenti pari a 70 milioni di Euro anche la costruzione della variante della Val di Riga. Il progetto è stato anche approvato nella seduta dell'Assemblea Generale del Consiglio dei lavori pubblici, alla quale ha partecipato l'assessore provinciale per la mobilità Daniel Alfreider. La variante ferroviaria della Val di Riga è stato anche un tema dell’incontro di questa settimana dell’assessore Alfreider con il ministro Enrico Giovannini e di altri incontri assieme al presidente Arno Kompatscher nei mesi scorsi per l'attuazione del progetto di finanziamento dell'opera. Durante gli incontri con i tecnici del Ministero è stato confermato che vengono messi a disposizione ulteriori 30 milioni di Euro.

"È importantissimo che il progetto venga realizzato entro il 2026 per le Olimpiadi, ma è un progetto che rivoluzionerà soprattutto la mobilità ferroviaria dell‘intera provincia, perché ci garantisce la possibilità di aumentare il cadenzamento orario e l’offerta per i cittadini. In questo modo si possono ridurre i tempi di percorrenza attuali dalla Val Pusteria verso Bolzano/Bressanone di circa 17 minuti e garantire due nuove fermate a Varna e Naz-Sciaves", dice Alfreider, che sottolinea: "Portare avanti questo progetto in modo così spedito è stato possibile solo grazie alla ottima collaborazione con il Ministero, con Rfi, con la società inhouse della Sta e con i tecnici della Provincia".

Il progetto prevede la realizzazione di una nuova bretella di collegamento tra le linee Verona-Brennero e Fortezza - San Candido. L’intervento ha origine alla progressiva 193+621 della linea del Brennero, a nord dell’abitato di Varna, in cui avviene il distacco dalla linea storica e termina alla progressiva 6+100 della Linea Fortezza-San Candido tra Rio di Pusteria e Naz-Sciaves dove è prevista la realizzazione di un posto di movimento. In corrispondenza dell’innesto verrà realizzata la fermata di Naz-Sciaves, la nuova tratta diverrà il tracciato corretto da/verso San Candido. La lunghezza complessiva sarà di 6,7 chilometri, la galleria Olimpia avrà una lunghezza di 796 metri. È previsto anche un nuovo ponte sul fiume Isarco e un nuovo svincolo stradale a Naz-Sciaves. Il finanziamento di 220 milioni di Euro è garantito. L’opera è strategica per le Olimpiadi 2026.

Simili

Trasporto urbano sostenibile al centro Settimana europea mobilità

Circa tremila città partecipano in tutto il continente

Circa 3.000 città di tutta Europa partecipano alla Settimana europea della mobilità di quest'anno che, iniziata ieri, durerà fino a mercoledì 22 settembre. La campagna 2021, il cui tema è "Sicuri ed i... segue

Nasce la mega ferrovia tra Canada Usa e Mesico

Canadian Pacific è il primo collegamento diretto (da 32.000 km) per trasporto merci fra le tre nazioni

Nasce il primo collegamento diretto tra Canada, Usa e Messico. Rotaie che corrono per ventimila miglia, pari 32.000 km, e che attraversano tre nazioni. L'operazione miliardaria riguarda Canadian Pacific... segue

Torino-Lione. Al Piemonte 32 milioni di Euro per opere tutela ambientale e sociale

Approvata convenzione tra Mims, Fs, Telt e Regione

Disponibili per la Regione Piemonte 32,13 milioni di Euro per opere ed interventi di tutela e valorizzazione paesaggistica, ambientale e sociale, correlati alla realizzazione della nuova linea ferroviaria... segue