info

trainFerrovie dello Stato tra i principali datori di lavoro in Italia

L'indagine di Mediobanca ha fatto emergere dati importanti

Un podio di cui andare fieri: il Gruppo Ferrovie dello Stato risulta essere al secondo posto di una speciale classifica stilata dall’Ufficio Studi di Mediobanca. L’istituto di credito ha focalizzato la propria attenzione su quelli che sono i principali datori di lavoro del nostro Paese. Fs è risultata appunto tra le prime dell’elenco con numeri che parlano da soli. Si sta parlando, infatti, di circa 84 mila dipendenti e di quasi 9 mila nuove assunzioni che sono state perfezionate nel corso del 2019. Il primo posto è stato invece conquistato da Poste Italiane con più di 129 mila dipendenti, mentre il terzo posto è quello di Edizione, holding finanziaria gestita dalla famiglia Benetton che si occupa di infrastrutture di trasporto, abbigliamento, ristorazione veloce e anche agricoltura.

Tornando a parlare di Fs, gli 8772 nuovi assunti sono soprattutto giovani. La fotografia emersa dall’indagine di Mediobanca è piuttosto nitida: si tratta di un report che viene stilato ogni anno sui più importanti Gruppi industriali del Belpaese, nello specifico quelli che sono attivi nei settori dei trasporti e dell’industria in generale, ma anche commercio, finanza e assicurazioni (solo per citare alcuni di questi comparti).

Il secondo posto conquistato da Ferrovie dello Stato lo scorso anno è la conferma di un impegno ben preciso per quel che riguarda la creazione di valore occupazionale. L’aumento dei dipendenti è presto spiegato: la società guidata da Gianfranco Battisti ha assunto personale in vari ambiti, soprattutto all’interno di Rete ferroviaria italiana (Rfi, 2448 assunzioni), oltre a Trenitalia (2249), Anas (1200) e le altre società che fanno parte del Gruppo stesso (1472). Per quel che riguarda invece l’estero, le società hanno beneficiato di oltre 1400 nuove assunzioni.