Press
Agency

Lotus debutta nel mercato dei suv elettrici

A primavera 2022 arriva Type 132 realizzato con il know-how cinese di Geely

Anche Lotus cede alla moda dei suv elettrici. Da Hethel, in Inghilterra, dalla sede di Lotus, annunciano l'arrivo a primavera 2022 della Type 132, il primo suv del brand, mosso da un powertrain elettrico ad alte prestazioni. Il suv è realizzato sfruttando il know-how del gruppo cinese Geely, proprietario di Lotus: in particolare quello del brand sino-svedese Lynk&Co.

Per dimensioni, la Type 132 dovrebbe essere simile a Tesla Model X, Audi e-tron e Bmw iX: rispetto a queste, avrà un’impostazione più prestazionale, come si addice al marchio Lotus.

Il primo sport-suv elettrico sul mercato fa parte del progetto noto come Type 132: non si sa ancora se il nome commerciale rimarrà questo o sarà diverso, certo è che il progetto prevede un grande suv di segmento E costruito a Wuhan, nel nuovo stabilimento produttivo Lotus Technology, la neonata business unit della casa inglese che si occuperà delle nuove tecnologie e della transizione elettrica.

Questa inedita divisione ha già messo a punto la Evijia, la prima hypercar elettrica del marchio che però sarà costruita a Hethel: ora si è concentrata sulla piattaforma Premium, da cui nasceranno la Type 132 e i modelli successivi. Sulla stessa piattaforma Premium verranno sviluppate anche la Type 133, una berlina-coupé prevista nel 2023, la Type 134, un suv di segmento D atteso nel 2025 e, nel 2026, la Type 135, una sportiva sviluppata in collaborazione con Alpine.

Anas Anas

Le indiscrezioni vogliono la Type 132 spinta da due unità elettriche che vanno a formare un sistema di trazione integrale, alimentate da accumulatori di diversa capacità, compresa tra 92 e 120 kWo. Il sistema elettrico funzionerà a 800V (come quello utilizzato da Porsche sulla Taycan) facendo immaginare grandi performance anche sul piano della ricarica.

La Type 132 sfrutterà un’aerodinamica attiva sia per lo spoiler posteriore sia per la griglia anteriore. Sarà presente anche un sensore Lidar, funzionale al sistema di guida autonoma: all’interno, la strumentazione sarà concentrate su un unico grande schermo touchscreen.

Le sport-suv più vicine alla Type 132, come concezione, dovrebbero essere la Porsche Cayenne e la Maserati Levante, che però non sono elettriche, mentre Aston Martin Dbx, Lamborghini Urus e Bentley Bentayga dovrebbero rimanere su un segmento superiore per esclusività e fascia di prezzo. Le prossime Porsche Macan e Maserati Grecale saranno a batteria, ma in un segmento inferiore rispetto alla Type 132 (segmento D).

Suggerite

Sindacati in allarme per la gigafactory di Termoli

Preoccupazione dopo che Tavares ha detto: "Non abbiamo ancora concluso"

I sindacati italiani sono in allarme. A scatenare la preoccupazione (e le reazioni) sono state le parole del ceo Carlos Tavares che, in un'intervista, ha messo in dubbio la realizzazione della gigafactory... segue

La rumba delle nomine risuona in Campidoglio

Il Comune vuole allargare il cda di Atac. In ballo anche il ruolo di dg di Ama

L'ultima idea, secondo tanti l'ultima "trovata" del Comune di Roma, è allargare il consiglio di amministrazione di Atac. Non tre ma cinque rappresentanti. In realtà non si tratta di una notizia d... segue

L'Europa vuole raddoppiare produzione chip auto

A febbraio la presentazione del Chip Act per stimolare la nascita di nuove fabbriche

La Commissione europea ha fatto sapere nelle scorse ore che Bruxelles presenterà a febbraio il Chip Act, un atto legislativo che modificherà le regole su gli aiuti di Stato per incentivare i Paesi membri a... segue