info

cancel

directions_boatPer Jimmy Cornell il quinto giro del mondo in barca a vela

Il navigatore di origini rumene ha 80 anni

Fincantieri

Ottant’anni suonati e non sentirli: se è vero che non c’è due senza tre, per Jimmy Cornell non c’è quattro senza cinque. Il navigatore di origini rumene è appena partito dal porto di Siviglia con la sua barca a vela "Aventura 0" per il quinto giro del mondo con questo tipo di imbarcazione, cercando di emulare le gesta di Magellano. Cornell, classe 1940, è salpato con quello che è un catamarano innovativo in quanto elettrico al 100%: non sarà da solo, visto che un equipaggio scelto con cura gli farà compagnia in questa impresa. L’obiettivo è quello di circumnavigare il globo terrestre, come riuscì a fare appunto Magellano mezzo millennio fa, coprendo 33 mila miglia nautiche dalla Spagna al Sud America.

Dopo aver superato lo stretto che ha preso il nome del celebre navigatore, Cornell e la sua squadra faranno rotta verso le Filippine, mentre le tappe successive saranno quelle del Sud Africa e di Siviglia per il ritorno trionfale nel corso del 2021 (in estate). Il fatto di aver voluto puntare su un mezzo elettrico è un dettaglio di non poco conto: il catamarano in questione è un prototipo Outremer che ha tutte le caratteristiche utili per affrontare il giro del mondo. Questa barca, infatti, è in grado di resistere anche alle condizioni più avverse, oltre ad avere grande efficienza in caso di venti leggeri. L’energia elettrica che si produce viene massimizzata sfruttando una tecnologia apposita di rigenerazione e il sistema di propulsione che va oltre i mille watt per motore. Infine, per la vita a bordo si impiegheranno i soli pannelli solari, a conferma di una traversata “green” come poche altre.