info

cancel

directions_boatNautica: G-Fifty, la rivisitazione moderna del mitico G-Cinquanta

Fu disegnato nel 1967 per l'avvocato Agnelli

Fincantieri

Costruito nel 1967 dai Cantieri Delta di Anzio e disegnato da Renato "Sonny" Levi per Gianni Agnelli, il G-Cinquanta costituì un’icona di quegli anni. Ora Levi Design e PMP Design, faranno rivivere con G-Fifty quel fast commuter con cui l’ex numero uno della Fiat alle gare off-shore voleva arrivare sul traguardo prima del vincitore. Uno scafo che doveva fare “solo” 50 nodi e che invece ne fece oltre 50 (forse addirittura 60). Con il G-Cinquanta che, dopo un lungo lavoro di restauro all'interno del Cantiere Ulisse 2000 è tornato allo splendore iniziale ed è stato recentemente battuto da Sotheby’s per 45 mila Euro, il progetto del G-Fifty acquista ancora più attualità. A fronte della costruzione in lamellare di mogano del G-Cinquanta il G-Fifty, lungo 14,60 metri per un baglio di 3,40 metri, sarà realizzato in fibra di carbonio ed epoxy mentre dai quattro motori Vulcano BPM da 320 Cv si passerà a una doppia motorizzazione.

Le soluzioni sono molte e vanno dai Mercury Racing a benzina da 600 o 1000 Cv, ai Mercury Diesel 370 o 550 Cv. Le trasmissioni previste sono Mercury Racing Xr sport master. La velocità prevista è di 90 nodi. Riprogettare un mito non è mai semplice. In ambito automotive ottimi esempi sono la 500, la Mini e soprattutto la Porsche 911 che, con ogni nuovo modello, riesce nel “miracolo” stilistico di innovare senza stravolgere. Questa formula vincente rende una qualsiasi 911 molto simile alla successiva, consentendo di conservare l’inconfondibile family feeling; ancorché confrontando due 911 divise da più anni le differenze e la tecnologia sotto pelle siano evidenti: i progettisti ad ogni nuovo modello hanno adoperano lo stato dell’arte a disposizione.