Press
Agency

La lobby dei balneari impedisce l'approvazione del Ddl Concorrenza

Il rinnovo delle concessioni crea l'intoppo all'approvazione

La lobby degli stabilimenti balneari vince ancora. Non sembra ci sia niente da fare. Il Ddl Concorrenza, ancora una volta, è stato stoppato e adesso, come mette in risalto un articolo de Ilfattoquotidiano.it, rischia di trasformarsi in farsa. Se la quaestio delle concessioni idroelettriche, altro tema spinosissimo fino a pochi giorni fa (Slitta il Ddl concorrenza per colpa dell'idroelettrico) sembra risolta con l'entrata in campo del golden power (l'istituto legislativo che conferisce al Governo la facoltà di porre condizioni o veti in caso di tentativi di acquisto su certe aziende) ecco che, invece, la riforma delle concessioni balneari rimane in bilico.

Come anticipato da Repubblica, i relatori del provvedimento Paolo Ripamonti (Lega) e Stefano Collina (Pd) hanno messo a punto una proposta di compromesso in base alla quale le gare per il rinnovo delle concessioni, che in base alla sentenza del Consiglio di Stato di novembre 2021 vanno avviate entro la fine dell'anno prossimo, potranno slittare di cinque anni per tutte le aree non "libere e concedibili" ma già assegnate a un concessionario. La Lega, inoltre, mette sul piatto anche un diritto di prelazione e il "golden power per le spiagge", con Matteo Salvini che rivendica: "tuteliamo coloro che da decenni si sacrificano gestendo gli stabilimenti balneari".

Non ci sta il Movimento 5 Stelle che grida allo scandalo sottolineando che un nuovo rinvio del Ddl Concorrenza significherebbe, per gli imprenditori balneari, "ancora anni di incertezze, ricorsi e danni economici" e che prevedere il golden power "significa banalizzare il concetto di sicurezza nazionale, che sarebbe soltanto un paravento per le lobby che da decenni bloccano le riforme".

FincantieriFincantieri

Alla fine, però, l’esame del Ddl in aula slitta ancora: l’obiettivo, sembra, rimane quello "di andare a gara" ma i tempi non si conoscono ancora. In previsione c'è la mappatura delle spiagge, cosa che attiverebbe di fatto una proroga automatica anche se secondo il Governo le richieste dei relatori sono "già in parte superate": in questo caso si potrebbe approvare il ddl in tempi brevi.

Che i tempi si abbrevino il più possibile è la speranza del co-portavoce nazionale di Europa Verde, Angelo Bonelli, secondo cui l’emendamento della Lega non solo "schiaffeggia la sentenza del Consiglio di Stato" ma è "un vero e proprio golpe contro le spiagge italiane: autorizza la cementificazione delle nostre coste prevedendo la messa a bando delle ultime spiagge rimaste libere nel nostro Paese mentre per gli stabilimenti balneari le gare sono state prorogate per altri 5 anni. Questa maggioranza e questo governo sono nemici dell’ambiente e dell’interesse pubblico, hanno intrapreso un vero e proprio assalto del cemento guidato dalla Lega".

Collegate

Slitta il Ddl concorrenza per colpa dell'idroelettrico

Il Pd è contrario alla messa a gara delle concessioni da parte delle Regioni

L'idroelettrico blocca l'iter del Ddl concorrenza, la cui approvazione slitta a luglio prossimo. è stato il Pd a mettersi di traverso sulla proposta di gara delle concessioni idroelettriche da... segue

Suggerite

Ports of Genoa al Break Bulk Europe 2022 di Rotterdam

La società ha supprotto allo stand 2F 61 i terminalisti dei bacini portuali di Genova, Prà, Savona e Vado Ligure

Ports of Genoa si appresta a tornare dal Breakbulk Europe 2022. Lo ha comunicato ufficialmente la stessa società che gestisce gli scali di Genova, Savona e Vado Ligure, confermando che "un'ampia delegazione"... segue

Londra annuncia nuova sanzioni contro Mosca

L'annuncio poco prima che il Regno Unito assuma la presidenza del Forum internazionale dei trasporti

Londra annuncia nuove sanzioni economiche contro Mosca. L'annuncio arriva poco prima che il Regno Unito assuma la presidenza del Forum internazionale dei trasporti (Fit), un'organizzazione intergovernativa... segue

Ancona, Leonardo Zuccaro torna al timone di Marina Dorica

Il sindaco richiama l'ex direttore del porto turistico dopo le dimissioni di Gianmario Raggetti

Da domani, venerdì 20 maggio, Leonardo Zuccaro sarà il nuovo presidente di Marina Dorica, la società che gestisce il porto turistico di Ancona. A firmare il decreto di nomina è stato il sindaco di Anc... segue