Press
Agency

Numeri molto positivi per Nissan

La Casa nipponica chiude il 2021 con un fatturato a 8,42 trilioni di yen e prevede un 2022 competitivo

Non servono a nulla gli strali che dal suo "buen retiro", chiamiamolo così, di Beirut lancia l'ex ceo Carlos Ghosn. Nissan, la sua ex azienda, tira dritto per la sua strada e annuncia risultati di tutto rispetto sia per quanto riguarda il quarto trimestre dell'anno fiscale 2021 che, addirittura, per l'intero 2022.

Per l'intero anno fiscale, il fatturato netto consolidato è di 8,42 trilioni di yen, con un utile operativo di 247,3 miliardi di yen pari a quasi 1,9 miliardi di Euro, con un margine operativo del 2,9% e un utile netto di 215,5 miliardi di yen pari a oltre 1,6 miliardi di Euro. Dopo 3 anni, dicono dalla casa giapponese, Nissan segna il ritorno alla redditività e il raggiungimento del 2% di margine operativo della joint-venture in Cina: il risultato viene considerato una pietra miliare nell'ambito del piano Nissan Next, rafforzando le sue basi commerciali, migliorando la qualità delle vendite e introducendo nuovi modelli sul mercato.

Il free cash flow del settore automobilistico è di -294,7 miliardi di yen, quasi 2,2 miliardi di Euro in rosso, mentre la liquidità netta del settore automobilistico è di 728 miliardi di yen, oltre 5,4 miliardi di Euro. Alla luce del miglioramento delle prestazioni, Nissan prevede di pagare un dividendo di fine anno di 5 yen (0,037 Euro) per azione per l'anno fiscale 2021.

Il miglioramento della qualità delle vendite a livello globale, supportato da condizioni di mercato favorevoli negli Stati Uniti, ha portato a un aumento significativo dei ricavi netti unitari dei principali nuovi modelli, contribuendo a migliorare la redditività del periodo.

Per l’anno fiscale 2022 Nissan prevede che il contesto di mercato sarà ancora più sfidante rispetto al 2021 a causa delle continue carenze di semiconduttori, dell'aumento dei prezzi delle materie prime e dei costi logistici, della crisi in Ucraina e dell'impatto dei lockdown in Cina sulle forniture di ricambi. Tuttavia, la Casa nipponica mira a mantenere un utile operativo a livello di quello del 2021, garantendo il piano di lancio dei prodotti, migliorando la qualità delle vendite e rafforzando ulteriormente la disciplina finanziaria e il controllo dei costi fissi.

"Il 2022 sarà un anno importante, in vista del completamento del piano Nissan Next nel 2023" spiega il presidente e ceo di Nissan Makoto Uchida commentando i risultati. "Anche se prevediamo un contesto di mercato ancora più impegnativo, siamo fiduciosi di realizzare il nostro piano di trasformazione e assicurare che Nissan rimanga un'azienda sana e resiliente, in grado di essere finanziariamente stabile e redditizia e di mantenere una crescita sostenibile. Consolideremo le basi per raggiungere l’obiettivo del Piano Nissan next di un margine operativo del 5%3 nell'anno fiscale 2023".

Suggerite

Anas, chiusure programmate per La Spezia e Sestri Levante

Lavori al viadotto che conduce al porto spezzino e interventi alla galleria Sant'Anna, nel Levante

Anas comunica che proseguono in orario notturno le operazioni di varo del viadotto della variante alla S.S. 1 Nuova Aurelia, viabilità di accesso all'hub portuale di La Spezia. I lavori di completamento... segue

Genova, sgominata la banda del "carburante sloveno"

I Carabinieri arrestano 59 persone: proventi illeciti per 10 milioni Euro tra auto di lusso e benzina annacquata

È stata sgominata dai Carabinieri del nucleo di Genova, grazie alla denuncia della trasmissione "Le Iene", una vera e propri holding delle truffe. In un anno la banda ha messo segno oltre 300 colpi e... segue

Siemens Energy guarda all'eolico

Un big del settore è pronto a riorganizzarsi puntando sul business del vento

Il Gruppo tedesco dell'energia Siemens Energy, che controlla una società di produzione di turbine eoliche, sta valutando se avviare un'offerta pubblica di acquisto per tutte le azioni in circolazione... segue