info

Transport press agency

directions_carColonnine elettriche in autostrada, i tempi sono maturi?

Enel X è pronta a nuove installazioni

Anno zero: bastano due parole per descrivere l’attuale situazione delle colonnine per auto elettriche da installare nelle autostrade del nostro Paese. Se ne parla da tempo e in modi più o meno ottimistici, ma sono davvero maturi i tempi? I piani e gli obblighi di legge esistono, inoltre Enel X (divisione dell’azienda specializzata in trasformazione energetica in un’ottica di sviluppo sostenibile) sta per installare le sue prime colonnine in due tratti italiani importanti.  

Si sta parlando di una struttura “ultrafast” che andrà a caratterizzare l’autostrada A1 in direzione Sud, più precisamente al chilometro 156,5 (non lontano da Modena Nord), e sempre in A1 (Autosole) in direzione Nord, al chilometro 509,1 (Magliano Sabina). In questo secondo caso si tratta di una colonnina che è presente dal 2014 e che è rimasta un vero e proprio caso unico per quel che riguarda il sistema autostradale italiano.  Il piano che prevede l’aumento delle postazioni si chiama “Green Station” e parla chiaro: Autostrade per l’Italia dovrebbe installarne 67 in altrettante aeree di servizio, entro e non oltre il 2023. 

I numeri sono interessanti, dato che si andrebbe a coprire quasi un terzo di tutte le aree di servizio che sono presenti nel nostro territorio, con una colonnina ogni 90 chilometri in media. La svolta si è avuta di recente con il Decreto Semplificazioni che ha trasformato le colonnine per auto elettriche in autentici vincoli invece che semplici opzioni come è avvenuto fino ad oggi.