Press
Agency

Genova, sgominata la banda del "carburante sloveno"

I Carabinieri arrestano 59 persone: proventi illeciti per 10 milioni Euro tra auto di lusso e benzina annacquata

È stata sgominata dai Carabinieri del nucleo di Genova, grazie alla denuncia della trasmissione "Le Iene", una vera e propri holding delle truffe. In un anno la banda ha messo segno oltre 300 colpi e ha ottenuto proventi illeciti per quasi 10 milioni di Euro. A smascherare questa che era stata definita un "multinazionale del crimine" sono stati i militari di Genova, diretti dal colonnello Michele Lastella e dal maggiore Francesco Filippo: sono state effettuate perquisizioni a 59 persone, che sono poi state arrestate, analizzando alcuni pc e supporti multimediali.

Secondo quanto riporta il quotidiano Il Secolo XIX, i militari hanno scoperto almeno trecento raggiri in tutta Italia: la maggior parte a Genova e in Veneto. La tecnica era quella dell’assegno circolare falso che serviva a pagare soprattutto acquisti di macchine spesso di grossa cilindrata: non a caso le indagini dei carabinieri di Genova sono scattate proprio dal raggiro compiuto ai danni di un noto ortopedico genovese che aveva messo in vendita la sua Porsche Macan e ha rischiato di non prendere un Euro.

La tattica era complessa ma efficace. Il venditore (raggirato) chiudeva l’affare convinto di avere un assegno circolare sicuro e, invece, alla fine si trovava con un pugno di mosche in mano. Alcuni dei membri della banda, per rendere credibile l'affare, si fingevano direttori di banca intercettando le chiamate fatte dai venditori per avere garanzie sull’incasso dell’assegno: alcuni addirittura facevano finta di essere dipendenti delle poste infedeli. Tutti questi personaggi, sono stati identificati ed erano tutti residenti nel napoletano.

L’organizzazione aveva anche una terza divisione che riguarda il business dei carburanti: la banda annacquava la benzina in distributori del Sud Italia compiacenti, utilizzando speciali oli arrivati dalla Slovenia, raggirando in questo modo centinaia di automobilisti che facevano rifornimento. I carabinieri di Genova, che hanno indagato sotto lo stretto coordinamento della Procura di Napoli, hanno eseguito 59 misure cautelari in carcere e hanno indagato una decina di altre persone. Ora stanno sviluppando anche il filone che riguarda il dark web, tentando di risalire ai pirati informatici che hanno clonato le carte di credito, mezzo principale di raggiro, e hanno fatto affari con il gruppo criminale.

Suggerite

Mobilita.news festeggia domani i Santi Pietro e Paolo, patroni di Roma

L'agenzia riaprirà giovedì 30 giugno con la normale attività

Mobilita.news comunica ai suoi abbonati, collaboratori e fan dei social media che domani, 29 giugno 2022, rimarrà chiusa in occasione dei Santi Pietro e Paolo, patroni di Roma.L'agenzia riaprirà regolarmente g... segue

Erzelli, polo di eccellenza in attesa di mobilità sostenibile

Il Pnrr investe sulla collina tecnologica: le difficoltà sono come arrivare in cima

La collina degli Erzelli, sulle alture del ponente genovese, continua a tenere banco. Lo ha rimarcato il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, a margine del convegno sul “Tech transfer day” org... segue

Bruxelles ragiona sullo stop alle auto diesel e benzina

Habeck e Lemke: "Sarà una lunga giornata e nottata di trattative"

Il ministri dell'ambiente del Vecchio continente sono in riunione in queste ore presso il Consiglio dell'Unione europea, dove i rappresentanti dell'l'esecutivo dei Paesi membri cercano un compromesso sulla... segue