info

cancel

directions_carScuole, i Prefetti potrebbero gestire i trasporti pubblici

L'ipotesi al vaglio per il prossimo Dpcm

Una novità dell’ultima ora per quel che riguarda i trasporti pubblici e l’attività scolastica del nostro Paese. Tra Dpcm e zone colorate, si rischia di fare confusione da molti punti di vista e i trasporti non sono da meno, di conseguenza il ministero dell’Istruzione si sarebbe accordato nel corso dell’ultima giornata con quello dell’Interno per introdurre una norma ad hoc. L’idea è quella di affidare ai Prefetti il coordinamento e l’organizzazione di questi spostamenti con bus, pullman e altri mezzi. La previsione dovrebbe diventare realtà a breve, visto che fra due giorni, giovedì 3 dicembre 2020, scadranno gli effetti del Dpcm di un mese fa e ne verrà varato uno nuovo in cui inserire la misura appena descritta. Che cosa dovrebbero fare di preciso le Prefetture italiane?

Entrando maggiormente nel dettaglio di quella che è al momento un’ipotesi con molte probabilità di diventare concreta, per le Città Metropolitane si potrebbe velocizzare l’organizzazione dei trasporti in previsione della riapertura a regime delle scuole medie superiori. La gestione di un flusso del genere non è ovviamente semplice, però ci si dovrebbe affidare ai Prefetti per una cabina di regia apposita e un tavolo di confronto con le iniziative da porre in essere. Le Prefetture sarebbero chiamate a mettere d’accordo le varie aziende locali di trasporto e le corse dei loro mezzi, oltre ai dirigenti scolastici e i sindaci delle città coinvolte. Soltanto in questa maniera si spera che il rientro a scuola non sia traumatico, evitando assembramenti e situazioni caotiche. Al tavolo, infine, potrebbero partecipare anche le Aziende sanitarie locali (Asl).