info

cancel

directions_boatPorto turistico di Rodi Garganico lancia primo Recovery Fund della nautica

L'ad dell'infrastruttura ha spiegato i dettagli dell'iniziativa

Fincantieri

Un’iniziativa molto particolare che non poteva non destare grande curiosità nella stampa, non solo quella locale. Il porto turistico di Rodi Garganico (provincia di Foggia) ha ricevuto diversi riconoscimenti nel corso del tempo e ora vuole stupire con una formula innovativa, quella del cosiddetto “Recovery Fund Nautico”. Di cosa si tratta nello specifico? Secondo quanto riferito da Marino Masiero, amministratore delegato del porto pugliese, la crisi è stata l’occasione per capire quali sono le opportunità da cogliere in questo momento. Il periodo è difficile per tutti e si è pensato di dare una mano agli armatori, sia del charter che del diporto. L’iniziativa è presto detta: il Recovery Fund Nautico consiste in un ormeggio gratuito nel periodo autunnale, invernale e primaverile per due anni complessivi che potrebbero diventare 4 con l’opzione del rinnovo.

L’agevolazione è stata pensata per tutte quelle imbarcazioni che risultano iscritte a noleggio e a locazione, a partire dai 17 metri in su per quel che riguarda la lunghezza. Il numero di posti è stato definito "contenuto" dallo stesso Masiero, però può essere un inizio promettente. Si sta parlando appunto di una ventina di posti riservati a chi vuole prepararsi o mettersi al riparo dalla crisi che riguarda qualsiasi settore. I servizi gratuiti sono quelli tipici del porto foggiano, vale a dire l’ormeggio, il parcheggio, la reception, i rifiuti, l’illuminazione, le docce, il controllo degli ormeggi e la video-sorveglianza. L’opzione del rinnovo per un ulteriore biennio è stata ideata pensando a quello che dicono gli esperti sulla pandemia da coronavirus. Si è ormai capito che un piccolo spiraglio potrebbe aprirsi nella primavera del 2021, di conseguenza al porto turistico di Rodi Garganico i quattro anni sono sembrati congrui per una ripresa vera e propria. Si nutre già la speranza che altri porti in giro per l’Italia possano adottare ala stessa decisione.