info

cancel

directions_carNissan vuole il mondiale di Formula E

Ottimi i test a Valencia della nuova e.dams

È una vera a propria ripartenza all'attacco quella che Nissan sta per iniziare in Formula E. Con la sua Nissan e.dams la casa giapponese affronta la settima stagione intenzionata a farla ancora da protagonista. Seconda l'anno scorso, Nissan affronta un nuovo tentativo di scalare il vertice della velocità elettrica e non nasconde di aver fatto bene i compiti: dai test di Valencia raccoglie, infatti, indicazioni estremamente positive. Lo confermano incontrando la stampa internazionale, in modalità virtuale, i piloti Sébastien Buemi e Oliver Rowland. Ma lo conferma, soprattutto, il Nissan global motorsport director, Tommaso Volpe, consapevole del ruolo di apripista ad una nuova mobilità stradale che la tecnologia applicata alla Formula E è chiamata a svolgere. Dove le vetture sono di fatto vere e proprie piattaforme di sviluppo.

"Sono piattaforme di sviluppo anche verso il connubio elettrico-guida autonoma - spiega Volpe - visto l'alto livello di sperimentazione tecnologica che la Formula E consente. Così come per l'analisi dei dati e la funzionalità delle batterie, perché è anche vero che la Formula E prende tanto dall'esperienza stradale elettrica".

Una nuova mobilità che vede Nissan lanciare Ariya mentre celebra con successo il decimo anniversario di Leaf. Ecco dunque le carte del team alla caccia della vittoria: dopo il debutto nel campionato ABB FIA Formula E nella quinta stagione (2018-2019), con il quarto posto nella classifica dei team con sei podi, cinque pole position e 16 presenze nella qualificazione Super Pole con Sébastien Buemi e Oliver Rowland, attestandosi come migliore squadra per numero di qualifiche della stagione, conclusa con una vittoria nell'ultimo weekend di gara a New York, la seconda stagione è stata vissuta da Nissan e.dams migliorando ulteriormente i risultati: seconda nel campionato a squadre, con una vittoria, cinque podi, una pole position e sei presenze consecutive nella qualificazione alla Super Pole.

Nissan è la prima casa automotive giapponese a essere entrata nella Formula E per dimostrare la potenza e le prestazioni dei veicoli a zero emissioni. Inoltre è leader mondiale nello sviluppo e progettazione dei veicoli a zero emissioni, con oltre 500.000 Leaf vendute a livello globale dal lancio nel 2010. La casa giapponese, come ricordato anche da Volpe, impiega le conoscenze nella mobilità elettrica per sviluppare l'auto da corsa della Formula E e utilizza le nozioni apprese in pista per definire le prossime generazioni di veicoli elettrici, come il crossover coupé 100% elettrico Ariya.

Per la settima stagione, la terza per la squadra, Nissan e.dams ha confermato i piloti Sébastien Buemi e Oliver Rowland rispettivamente nella auto 23 e 22. Da non dimenticare il ruolo di Oliver Driot, co-team principal Nissan e.dams, comproprietario di Dams, esperto oil trader e investitore di private equity in immobili, F&B e minerali industriali, team manager del programma Dams F3000 e 24 Ore di Le Mans a inizio 2000.