Press
Agency

Camion autonomi per i collegamenti nei terminal portuali

Presentati i primi risultati e i prossimi test del progetto che vede coinvolti Anita e Man

Sono stati annunciati sulla pista di prova Man di Monaco, i risultati finora ottenuti da Anita, l'Associaione nazionale italiana delle imprese di trasporto, e il colosso tedesco dei truck, i due partner del sistema di guida autonoma per autocarri lanciato nel luglio 2020. L'obiettivo del progetto di automazione congiunto "Autonomous Innovation in terminal operations", è quello di utilizzare autocarri autonomi per il trasferimento dei container dalla strada alla ferrovia, rendendo i processi più efficienti, facili da pianificare e flessibili. Parliamo, in sostanza, di una tecnologia, che dovrebbe consentire, entro la fine del decennio, di avere camion autonomi per i collegamenti nei terminal portuali.

I due partner hanno pianificato un anno intero di test drive per confrontare il prototipo autonomo con le reali condizioni di impiego: un autista di sicurezza è sempre a bordo per intervenire se necessario. Inoltre, hanno annunciato nuovi sviluppi e ulteriori prove pratiche presso il deposito di container di DB Intermodal Services e il terminal Diss, ossia Deutsche umschlaggesellschaft schiene-straße mbH a Ulm Dornstadt. Il sistema consentirà in futuro di trasferire più merci verso il più ecologico trasporto combinato. Per questo, nei prossimi mesi Man ha deciso di migliorare i "sensi elettronici" del veicolo autonomo nelle attività operative reali, così che possa meglio percepire l’ambiente circostante per reagire e operare come un vero autista.

Una volta a regime il progetto, l’autocarro autonomo dovrà essere in grado di comunicare con l’infrastruttura del deposito Dbis e del terminal Duss: il Csl, ossia il Contract specification language di Deon Digital funge da linguaggio comune per una comunicazione chiara e completa di tutti i sistemi coinvolti. Il risultato è un sistema completo di pianificazione della mission che collega sia il veicolo sia i sistemi informatici di Dbis Depot e Duss Terminal. "La tecnologia base di automazione per Anita è pronta -spiega Frederik Zohm, member of Research and development di Man Truck & Bus-. Per la definitiva messa a punto, stiamo ora avviando un confronto pratico diretto per sviluppare ulteriormente il sistema in termini di affidabilità operativa e di valore aggiunto per il futuro utente". 

"Contiamo -aggiunge Zohm- di poter offrire camion autonomi per i collegamenti nei terminal come tecnologia di serie dalla fine del decennio. Partner come Deutsche Bahn, Götting KG e la Hochschule Fresenius University of Applied Sciences sono essenziali per raggiungere questo obiettivo”.

Suggerite

Mobilita.news festeggia domani i Santi Pietro e Paolo, patroni di Roma

L'agenzia riaprirà giovedì 30 giugno con la normale attività

Mobilita.news comunica ai suoi abbonati, collaboratori e fan dei social media che domani, 29 giugno 2022, rimarrà chiusa in occasione dei Santi Pietro e Paolo, patroni di Roma.L'agenzia riaprirà regolarmente g... segue

Erzelli, polo di eccellenza in attesa di mobilità sostenibile

Il Pnrr investe sulla collina tecnologica: le difficoltà sono come arrivare in cima

La collina degli Erzelli, sulle alture del ponente genovese, continua a tenere banco. Lo ha rimarcato il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, a margine del convegno sul “Tech transfer day” org... segue

Bruxelles ragiona sullo stop alle auto diesel e benzina

Habeck e Lemke: "Sarà una lunga giornata e nottata di trattative"

Il ministri dell'ambiente del Vecchio continente sono in riunione in queste ore presso il Consiglio dell'Unione europea, dove i rappresentanti dell'l'esecutivo dei Paesi membri cercano un compromesso sulla... segue