Press
Agency

Effetto Venezia, gli altri porti vanno in affanno

Porto Marghera fa i conti con lo scalo commerciale, Chioggia accoglie la prima nave crociere

Venezia perde le crociere e questo sta creando una situazione complicata anche per gli altri porti limitrofi. Di fatto, dopo il decreto dell'agosto scorso, Venezia è uscita dalla top 50 dei porti europei e mediterranei: i lavoratori contestano che non si possa fare un piano e, nel frattempo, gli altri scali vanno in affanno. 

A porto Marghera, per esempio, si fa sempre più complicata la convivenza tra scalo commerciale e crociere: da qui a fine ottobre saranno circa 200 gli accosti previsti delle navi da crociera: potrebbero essere di più, ma le banchine sono disponibili soltanto nel fine settimana, visto che nei giorni feriali lo spazio si riduce a favore delle merci. Per fare spazio al traffico commerciale, durante la settimana arrivano, a seconda della disponibilità delle banchine, piccole navi da crociera, spesso di lusso: attualmente sono operative la banchina Lombardia (al terminal TN) e la banchina Liguria (al terminal Vecon). Per quanto riguarda le crociere, tutte le date disponibili al sabato e alla domenica sono state prenotate da Costa Crociere, con Costa Deliziosa (294 metri, 2.800 passeggeri) e da Msc, con Armonia e Sinfonia (entrambe 275 metri e dai 2.200 a 2.700 passeggeri).  

"Come toccate siamo quindi al 40% rispetto ai tempi d'oro quando eravamo tantissimi a lavorare e potevamo assumere anche tanti stagionali -spiega Antonio Velleca della Cooperativa Portabagagli del porto di Venezia-. Rispetto però al numero dei passeggeri siamo a un settimo. Le crociere hanno prenotato di qui a fine anno tutte le date possibili nei weekend, ma durante la settimana bisogna fare i conti con la priorità che viene data alle navi commerciali". 

FincantieriFincantieri

Tutto questo trambusto è dovuto alla situazione di Venezia dove, per esempio, Vtp, Venezia terminal passeggeri non ha più un calendario con arrivi e partenze: le prenotazioni delle banchine da parte delle navi più piccole viene fatto nel giro di poco tempo, a seconda dell'ingresso o meno delle altri navi.

Dopo il decreto legge dell'anno scorso, che dal primo agosto ha vietato l'ingresso delle grandi navi in Bacino di San Marco, la crocieristica a Venezia è passata in secondo piano rispetto a prima, ribaltando i suoi effetti sugli altri scali, non attrezzati però a garantire i numeri di Venezia: Chioggia, per esempio, che di recente ha accolto in pompa magna l'arrivo della prima grande nave, accoglierà qualche crociera al mese. Due grandi compagnie come Costa Crociere e Msc non hanno rinunciato alla meta più ambita, ossia Venezia, mentre tante altre hanno dovuto ripiegare su Trieste. Altre soluzioni, per ora, non ci sono, a meno che in Laguna non si aprano altre possibilità con l'apertura ufficiale della seconda banchina al Terminal Tiv, che dovrebbe essere pronta, e della seconda banchina a Fusina. 

"Sono passati sei mesi da quando abbiamo chiesto gli indennizzi che ci spetterebbero come previsto dal decreto legge, ma non abbiamo ancora nessuna comunicazione ufficiale -sottolinea Velleca-. Per il 2021 sono previsti 5 milioni per le imprese che gravitano nel Porto e quest'anno 22,5 milioni per le stesse imprese. Stiamo sollecitando. C'è una scadenza di sopportazione umana che sta vacillando". 

Suggerite

Mobilita.news festeggia domani i Santi Pietro e Paolo, patroni di Roma

L'agenzia riaprirà giovedì 30 giugno con la normale attività

Mobilita.news comunica ai suoi abbonati, collaboratori e fan dei social media che domani, 29 giugno 2022, rimarrà chiusa in occasione dei Santi Pietro e Paolo, patroni di Roma.L'agenzia riaprirà regolarmente g... segue

Regione Marche sceglie Cesare Buonfigli perl'Adsp

Dopo tentennamenti e lungaggini Palazzo Raffaello rende nota la sua decisione

Sarà un arrivo al fotofinish quello che incorona Cesare Buonfigli, selezionato ieri dalla giunta Acquaroli della Regione Marche come rappresentante dell'Ente nel Comitato di gestione dell'Adsp del Mare... segue

Accordi innovazione: 591 milioni di nuove risorse per le imprese

Mise. Giorgetti: “soluzioni concrete e veloci avvicinano pubblica amministrazione a imprenditori”

Con un incremento di nuove risorse pari a oltre 591 milioni di euro, che si aggiungono alla dotazione finanziaria iniziale di 500 milioni di euro prevista dal Fondo nazionale complementare al PNRR, il... segue