Press
Agency

Germania contro Ue: no allo stop dei motori benzina e diesel

Esecutivo indeciso: molti contrasti sul divieto di commercializzazione entro il 2035

La Commissione Europea ha detto sì, il Governo tedesco, invece, dice no. Sul divieto europeo di commercializzazione di auto e veicoli commerciali leggeri con motori endotermici dal 2035 le idee all’interno dell’Esecutivo tedesco sono tutt’altro che chiare. Una sola certezza aleggia: quella che il diktat di Bruxelles non piace alla maggioranza di Berlino.

Secondo quanto riporta Ilfattoquotidiano.it, intervenendo al “Tag der Industrie” -ovvero la conferenza degli industriali-, il ministro delle Finanze e numero uno dei liberali Christian Lindner è stato categorico: la Germania non voterà a favore del bando, ha detto. Per Lindner e per il suo collega di partito e ministro dei Trasporti, Volker Wissing, i liberali non possono accettare il divieto perché, dicono, anche dopo il 2035 in alcune regioni del mondo la mobilità continuerà a non essere elettrica per decenni. 

Secondo Lindner, con il divieto europeo di immatricolazione di veicoli nuovi alimentati da unità a combustione interna, verrà a mancare il processo di sviluppo e innovazione in Germania e nel Vecchio Continente. “Per questo abbiamo deciso che all’interno del Governo non approveremo la direttiva comunitaria”, sottolinea il ministro. 

La vedono diversamente i Verdi, entrati nell’esecutivo federale come seconda forza con il 14,8%. Steffi Lemke, portavoce del partito ecologista del ministro dell’Ambiente, la socialdemocratica Svenja Schulze, è stata esplicita. "Il Governo federale -spiega Lemke- sostiene pienamente la proposta della Commissione e del Parlamento europeo di autorizzare dal 2035 in poi solo la vendita di autovetture e di veicoli commerciali leggeri nuovi a emissioni zero”.

L'incontro decisivo è in programma il 28 giugno, quando si terrà il vertice del Consiglio dell’Unione Europea al quale prendono parte i ministri dell’ambiente: l’organismo dovrà assumere una posizione. Diversi Paesi potrebbero unirsi alla Germania cercando di sbarrare la strada al provvedimento Ue. 

La discussione in Germania è aperta. D'altronde il nuovo cancelliere Olaf Scholz aveva già rivisto l’obiettivo: anziché un milione di elettriche nel 2020, vuole un milione di punti di ricarica nel 2030, mentre il suo esecutivo punta a ridimensionare i bonus per le plug-in. Per il ministro dell’economia Robert Habeck (esponente dei Verdi) le ibride ricaricabili hanno già un loro mercato e non necessitano più di finanziamenti. 

Collegate

Anche l'Italia dice no allo stop a benzina e diesel

Con altri 4 Paesi la richiesta è quella di far sopravvivere i motori endotermici fino al 2040

Si allarga il fronte europeo di quanti fanno la fronda al provvedimento deciso dall'Ue pochi giorni fa di dire basta alle auto benzina e diesel entro il 2035 (Stop ai veicoli benzina e diesel dal 2035).... segue

Suggerite

Mobilita.news festeggia domani i Santi Pietro e Paolo, patroni di Roma

L'agenzia riaprirà giovedì 30 giugno con la normale attività

Mobilita.news comunica ai suoi abbonati, collaboratori e fan dei social media che domani, 29 giugno 2022, rimarrà chiusa in occasione dei Santi Pietro e Paolo, patroni di Roma.L'agenzia riaprirà regolarmente g... segue

Erzelli, polo di eccellenza in attesa di mobilità sostenibile

Il Pnrr investe sulla collina tecnologica: le difficoltà sono come arrivare in cima

La collina degli Erzelli, sulle alture del ponente genovese, continua a tenere banco. Lo ha rimarcato il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, a margine del convegno sul “Tech transfer day” org... segue

Bruxelles ragiona sullo stop alle auto diesel e benzina

Habeck e Lemke: "Sarà una lunga giornata e nottata di trattative"

Il ministri dell'ambiente del Vecchio continente sono in riunione in queste ore presso il Consiglio dell'Unione europea, dove i rappresentanti dell'l'esecutivo dei Paesi membri cercano un compromesso sulla... segue