Press
Agency

Regno Unito a sei anni dalla Brexit

Johnson: "Abbiamo problemi in campo energetico, ma il mercato del lavoro è colmo"

Il 23 giugno di sei anni fa i cittadini britannici votano al referendum sulla Brexit decretando l'uscita del Regno Unito dal mercato comune dell'Unione Europea. A distanza di tempo il sogno inglese non sembra più tale: tra aumenti delle tariffe commerciali, carenza di lavoratori in settori chiave come quelli dei trasporti pubblico e privato, l'export in affanno. Senza dimenticare il riacutizzarsi della frattura con l'Irlanda.

"Una delle ragioni per cui abbiamo avuto la più forte crescita nel G7 l’anno scorso e torneremo alla crescita più veloce è perché abbiamo avuto il più rapido programma di vaccinazione. E questo perché siamo stati in grado di dare la licenza al nostro vaccino senza ricorrere all’Agenzia europea per il farmaco, che avevamo lasciato. Per questo siamo stati più veloci e siamo stati il primo Paese a iniettare alla gente un vaccino approvato", ha detto il primo ministro britannico, Boris Johnson, ha detto in un'intervista rilasciata al quotidiano "Il Corriere della Sera".

Ferrovie dello Stato Italiane

"Siamo anche stati capaci -ha aggiunto- di attrarre investimenti facendo uso dei nostri vantaggi fiscali, abbiamo tagliato l’Iva sui pannelli solari, cosa che non potevamo fare prima, abbiamo tagliato l’Iva sui prodotti sanitari femminili, siamo in grado di allontanarci dalle regole europee sulla protezione dei dati perché abbiamo un approccio molto differente. Siamo stati in grado di distanziarci dalla Politica agricola comune e sostenere i nostri contadini in maniere diverse. Abbiamo concluso circa 70 accordi di libero commercio nel mondo". 

Tuttavia l’inflazione sale a un ritmo forsennato e sfiora l’11 per cento annuo. "Abbiamo un problema particolare causato dal nostro mix energetico -conclude Johnson- ma abbiamo anche un mercato del lavoro colmo: c’è un eccesso di domanda in questa economia. Ma se guardiamo alle previsioni dell’Ocse e del Fondo monetario, torneremo in testa alla classifica di crescita nei prossimi due o tre anni".

Collegate

Londra rimanda al 2023 il cambio per l'import merci

Il Governo stoppa l'entrata in vigore del nuovo pacchetto previsto per luglio 2022

Non cambiano le procedure per importare le merci in Gran Bretagna dall’Unione Europea. Prevista per luglio 2022, il Governo di Sia Maestà ha deciso di rinviare al 2023 l’introduzione del nuovo pacchetto coll... segue

Brexit: al via il controllo sulle importazioni

In vigore dal 1° gennaio il sistema burocratico che spaventa la logistica

Sono scattati l'1 gennaio con puntualità certosina i nuovi controlli post-Brexit sulle importazioni lungo la frontiera che divide tra Regno Unito e l'Unione Europea. Le imprese britanniche saranno soggette... segue

Suggerite

Mobilita.news festeggia domani i Santi Pietro e Paolo, patroni di Roma

L'agenzia riaprirà giovedì 30 giugno con la normale attività

Mobilita.news comunica ai suoi abbonati, collaboratori e fan dei social media che domani, 29 giugno 2022, rimarrà chiusa in occasione dei Santi Pietro e Paolo, patroni di Roma.L'agenzia riaprirà regolarmente g... segue

Erzelli, polo di eccellenza in attesa di mobilità sostenibile

Il Pnrr investe sulla collina tecnologica: le difficoltà sono come arrivare in cima

La collina degli Erzelli, sulle alture del ponente genovese, continua a tenere banco. Lo ha rimarcato il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, a margine del convegno sul “Tech transfer day” org... segue

Collegamenti aerei in Sardegna più cari

Cna: "Occorrono quasi 1300 Euro per una famiglia di 4 persone a Ferragosto"

La Sardegna è la destinazione che ha visto aumentare maggiormente i prezzi dei biglietti aerei: +97% rispetto al 2021. Basti pensare che occorrono quasi 1300 Euro per una famiglia di 4 persone a Ferragosto.... segue