info

cancel

directions_carChe fine ha fatto l'affaire Aspi?

Cdp e i fondi prendono tempo, Atlantia si riunisce il 15 gennaio

Che fine ha fatto la proposta di Cassa depositi e prestiti per Autostrade per l'Italia? Il 30 novembre era una data importante, visto che segnava il limite massimo, fissato da Atalantia, affinché Cassa depositi e prestiti potesse presentare una nuova offerta "vincolante e satisfattiva". E invece niente, nulla di fatto. Cdp e i fondi Macquarie e Blackstone hanno preso tempo, pur rimanendo impegnati a lavorare il più velocemente possibile sul dossier Aspi. Estrema cautela e molti punti restano da chiarire, in sede di due diligence, per arrivare a un'eventuale offerta vincolante. In sintesi è questo, secondo un articolo di Affaritaliani.it, il senso della missiva inviata nelle ultime ore da Cdp ad Atlantia, fornendo un update sullo status quo dell'operazione, auspicando una extension in termini di tempo per lavorare su tutti i punti di attenzione rimasti in sospeso.

Cdp avrebbe evidenziato, tra l'altro, la mancanza di informazioni di tipo tecnico e di risposte da parte di Atlantia, oltre ad aver ravvisato la necessità di alcuni chiarimenti su capex e opex, e il fatto che il piano economico e finanziario non abbia ancora ricevuto una formalizzazione definitiva. Non ultimo, la richiesta di ulteriore tempo è da addebitare alla quantità di informazioni ancora da approfondire e caricata, negli ultimi giorni, in data room. In particolare nella due diligence prettamente tecnica ci sarebbero ancora diversi punti di attenzione da chiarire, punti che vengono considerati chiave per formulare una valutazione della società e, dunque, qualsiasi possibile offerta. Più avanti, invece, sarebbe da completare la due diligence finanziaria.

In ogni caso, Cdp sottolinea nella lettera che, per quanto riguarda i prossimi step, è confermato l'obiettivo di analizzare congiuntamente ai partner i punti rimasti in sospeso, che al momento rendono l'analisi più difficile e sui quali servono chiarimenti, in modo da fornire un update a breve. Atlantia aveva dato tempo a Cdp e fondi fino al 30 ottobre scorso per formulare un'offerta: Cdp, a inizio ottobre, aveva indicato in dieci settimane il tempo necessario per una due diligence completa sul dossier con un update dopo circa un mese. Al termine della riunione del 2 dicembre, il cda della holding dei Benetton ha deliberato di riunirsi, "come da programma entro la metà di dicembre in tempo utile per procedere con la convocazione dell'assemblea straordinaria da tenersi entro il prossimo 15 gennaio 2021 per deliberare sulla scissione parziale e proporzionale in favore della società beneficiaria Autostrade Concessioni e Costruzioni".