info

Transport press agency

trainVia libera alla nuova rete ferroviaria tra Alaska e Canada

L'autorizzazione è arrivata dalla Casa Bianca

Anche Washington ha detto sì a un ambizioso progetto ferroviario americano, quello destinato a collegare l’Alaska e la provincia canadese dell’Alberta: l’investimento nell’infrastruttura dovrebbe essere pari a 22 miliardi di dollari e l’autorizzazione della Casa Bianca permette di approfondire l’interessante novità in questo ambito. Il progetto è stato ribattezzato “A2A Rail” e prevede l’unificazione delle strutture ferroviarie al confine tra Stati Uniti e Canada, con tanto di una linea nuova di zecca e in partenza da Fort McMurray. 

I territori “toccati” comprenderanno ben 2570 chilometri complessivi e il loro elenco è affascinante per chi apprezza i luoghi più sperduti e spesso inarrivabili del Nord America. Si sta parlando dei Territori del Nord-Ovest, dello Yukon, ma anche del Delta Junction (in Alaska per la precisione), con tanto di proseguimento della linea verso i porti nei pressi di Anchorage. I treni trasporteranno diverse merci, tra cui petrolio, minerali e non mancheranno nemmeno i passeggeri (viaggi comunque eccezionali e selezionati). 

Secondo A2A, il permesso presidenziale rappresenta una “pietra miliare” per le future costruzioni ferroviarie, anche perché il progetto dovrebbe essere in grado di generare migliaia di posti di lavoro, rendendo più semplice ed efficiente la navigazione tra il confine e collegando meglio l’Alaska con le reti nordamericane. Si attende ora soltanto la valutazione da parte del ministero canadese per l’ambiente e i cambiamenti climatici, in modo da garantire un programma che sia il più possibile sostenibile.