Press
Agency

A giudizio manager della raffineria Gela e Syndial

La Procura siciliana ha fissato l'udienza per il 13 dicembre 2022

La Procura siciliana di Gela ha comunicato il rinvio a giudizio per 12 tra amministratori e dirigenti della raffineria di Gela e della società Syndial (oggi Eni Rewind) che opera nel campo del risanamento ambientale di siti industriali. L'accusa per il management è quella della mancata bonifica dl sito, in particolare delle acque di falda e dei luoghi dove sorge lo stabilimento. L'udienza è fissata al 13 dicembre 2022. 

"In merito alla citazione a giudizio da parte della Procura di Gela di 12 dipendenti di Raffineria di Gela ed Rewind, Eni conferma la massima collaborazione con le autorità competenti e confida di dimostrare in sede processuale la correttezza del proprio operato e il rispetto dei requisiti di legge", si legge in una nota dell’azienda.

La Capitaneria di Porto di Gela e il commissariato di Polizia, sotto il coordinamento della Procura, avevano già dato esecuzione al sequestro preventivo, a oggi pendente, del ramo aziendale di Raffineria Gela Spa e Syndial. Il progetto di bonifica delle acque di falda era stato approvato dal ministero dell'Ambiente e il sequestro preventivo delle aree dello stabilimento era funzionale all'attuazione del piano.

Suggerite

Mobilità.news augura a tutti Buon Ferragosto

L'agenzia resterà chiusa da domani e riaprirà lunedì 22

Mobilità.news comunica ai suoi abbonati, collaboratori e fan dei social media che l'agenzia resterà chiusa da domani venerdì 12 agosto, in occasione della pausa estiva.L'agenzia riaprirà regolarmente con... segue

Federagenti: le guerre "Sconosciute" incombono su interscambio via mare

Le affermazioni del presidente Alessandro Santi

Odessa, Chornomorsk, Bab-El-Mandeb, Ashdod, Stretto di Taiwan, Kherson, Bosforo e Dardanelli, Suez. In un Occidente, in un’Europa ed in un’Italia cronicamente distratti, al punto che anche la “guerra in ca... segue

Adm. Porto di Ancona: bloccata importazione fontane di ghisa

I 350 articoli non recavano indicazione sede legale produttore

Nell’ambito dei controlli doganali all’importazione, i funzionari Adm (Agenzia dogane e monopoli) dell’Ufficio di Ancona hanno sottoposto a verifica, presso il porto dorico, 24 pallet contenenti fonta... segue