Press
Agency

Tonfo in borsa per i motori aerei Rolls Royce

Titolo giù del 9%; investitori delusi dai margini di crescita nel settore aviazione civile

Dopo la presentazione dei dati finanziari semestrali da parte del costruttore britannico Rolls Royce, specializzato nella realizzazione di motori per aerei e navi, il titolo azionario ha perso in queste ore il 9,09% alla Borsa di Londra. Un dato che evidenzia la delusione degli analisti per i conti del Gruppo, significativamente al di sotto delle attese. Impensierisce soprattutto la perdita netta di 188 milioni di Euro contro un utile di 104 milioni nei primi 6 mesi 2021.

'Il contesto esterno resta difficile, mentre la guerra in Ucraina, le pressioni inflazionistiche e le limitazioni nelle catene dei fornitori hanno un impatto sulla nostra attività. Riteniamo che persisteranno nel 2023 e stiamo gestendo il gruppo per far fronte e minimizzare l'impatto", ha indicato Rolls Royce in un comunicato, in cui sottolinea di avere "uno stretto controllo dei costi" e precisa di avere avuto anche "alcune difficoltà'' nelle assunzioni. 

Gli analisti sono preoccupati da vari altri indicatori su base ricorrente: le diminuzioni dell'utile operativo a 125 milioni di Euro (era 307 milioni) e del margine operativo al 2,4% (era 5,9%), nonostante i ricavi a 5,3 miliardi di Euro siano in leggera crescita rispetto allo scorso anno (5,2 miliardi). Rolls Royce ha detto che per il 2022 prevede ricavi in crescita del +1-5%. Tuttavia gli investitori sottolineano che "vari problemi legati alla ripresa dell'aviazione civile" hanno impattato su risultati "deludenti nell'insieme", anche depurati "da un certo numero di elementi straordinari".

Suggerite

Mobilità.news augura a tutti Buon Ferragosto

L'agenzia resterà chiusa da domani e riaprirà lunedì 22

Mobilità.news comunica ai suoi abbonati, collaboratori e fan dei social media che l'agenzia resterà chiusa da domani venerdì 12 agosto, in occasione della pausa estiva.L'agenzia riaprirà regolarmente con... segue

Federagenti: le guerre "Sconosciute" incombono su interscambio via mare

Le affermazioni del presidente Alessandro Santi

Odessa, Chornomorsk, Bab-El-Mandeb, Ashdod, Stretto di Taiwan, Kherson, Bosforo e Dardanelli, Suez. In un Occidente, in un’Europa ed in un’Italia cronicamente distratti, al punto che anche la “guerra in ca... segue

Adm. Porto di Ancona: bloccata importazione fontane di ghisa

I 350 articoli non recavano indicazione sede legale produttore

Nell’ambito dei controlli doganali all’importazione, i funzionari Adm (Agenzia dogane e monopoli) dell’Ufficio di Ancona hanno sottoposto a verifica, presso il porto dorico, 24 pallet contenenti fonta... segue