info

cancel

directions_carUna Mini per la nazionale giamaicana di bob

Gli atleti si allenano a Londra per i mondiali di Lake Placid

Viviamo in tempo di covid e di ristrettezze economiche, lo sappiamo bene. L'emergenza colpisce tutti, non fa sconti. Anche la nazionale di bob della Giamaica le palestre sono chiuse e gli atleti hanno difficoltà ad allenarsi in vista dei prossimi campionati mondiali di Lake Placid di febbraio, passo importante verso la qualificazione per le Olimpiadi invernali di Pechino 2022. Così arriva in soccorso la Mini. Sulla più grande pista coperta del Regno Unito, lo Snow Center di Hemel Hempstead (Londra) ha messo a disposizione del team uno spazio riservato e una Mini cabrio. Gli atleti la spingono su e giù e poi ci salgono al volo, simulando gli esercizi che si fanno con i bob veri.

Tutto è nato l'anno scorso quando alcuni abitanti della periferia di Londra hanno visto dei ragazzi che spingevano una vecchia Mini per le strade. Pensavano fossero rimasti in panne, invece no: era la nazionale giamaicana di bob che si allenava così. La notizia ha fatto il giro del mondo e la Mini ha deciso di aiutare il team della Giamaica in modo ufficiale, fino alla sponsorizzazione di oggi, che vede la Mini cabrio usata per gli allenamenti con i colori ufficiali della bandiera nazionale giamaicana.

"Per noi - spiega il pilota del team Shanwayne Stephens - questo lockdown è stato ancora più difficile del primo per il nostro addestramento, al punto che molti dei nuovi componenti del team non sono mai stati su un bob o non ne hanno mai visto uno. Spingere la Mini qui può sembrare divertente e stravagante, ma questo esercizio è importante, aiuta a stare sul ghiaccio e abitua il corpo degli atleti usano l’energia in modo completamente diverso". La cosa, ovviamente, fa bene anche alla casa automobilistica, le cui immagini della Mini-bob stanno facendo il giro del mondo.