Press
Agency

Cina: Evergrande avvia produzione della prima auto

Il nuovo suv elettrico immesso nel mercato a partire da ottobre 2023

Il gruppo cinese Evergrande, specializzato nello sviluppo immobiliare, ha avviato la produzione della sua prima auto. Si tratta di un veicolo elettrico, denominato Hengchi 5, che viene realizzato nello stabilimento di Tianjin. La società ha fatto sapere che questo nuovo modello di vettura a batteria verrà immessa nel mercato a partire da ottobre 2023. 

Hengchi 5 è un suv equipaggiato con motore da 204 CV (coppia 345 Nm) alimentato da una batteria Lfp (litio-ferro-fosfato) da 72,8 kWh fornita dall'azienda specializzata Catl. Stando a quanto dichiarato dalla casa automobilistica cinese, la vettura avrebbe un'autonomia di 605 km una sola carica. 

L'automobile è prodotta da Evergrande New Energy Vehicle, la divisione dedicata alla progettazione e alla vendita della prima auto del gruppo. La società si era data "dai 3 ai 5 anni" per diventare il gruppo "più potente" al mondo nel settore delle auto elettriche, ma è rimasta indietro nella progettazione e commercializzazione dei veicoli.

A causa il rallentamento sono state le numerose difficoltà operative, aggravate poi da problemi di flusso di cassa, con la situazione finanziaria legata alle attività immobiliari, notevolmente peggiorata. Il Gruppo conserva, in ogni caso, elevate ambizioni in ambito automobilistico, in un mercato, quello cinese, molto competitivo. Tanto che l'azienda ha fatto sapere che nel 2023 avvierà la produzione di altri due modelli di vetture a batteria.

Suggerite

All'orizzonte c'è Hopium Machina, la supercar all’idrogeno firmata Olivier Lombard

Annunciato il prototipo della nuova vettura categoria Zev -VIDEO

Il vincitore della 24 Ore di Le Mans 2011, Olivier Lombard, e fondatore di Hopium, casa automobilistica francese nata nel 2019, arricchisce il parco auto con la nuova supercar ad idrogeno Hopium Machina.... segue

Provincia Varese sperimenta più sicurezza su autobus, treni e nelle stazioni

Stretto oggi l'accordo fra Regione Lombardia, Prefettura e Polizia locale

Agenti circoleranno oltre che sui treni anche a bordo degli autobus, dove sempre più frequentemente si registrano episodi di microcriminalità a danno di passeggeri e personale viaggiante

Da domani stop alle mascherine sui mezzi pubblici

Decade dal primo ottobre l’obbligo su treni, metro e bus

In mancanza di un’ulteriore proroga del Governo, i dispositivi FFP2 non dovranno essere esibiti su mezzi pubblici, treni (regionale, intercity ed alta velocità), autobus e metro. Dopo due anni pertanto, te... segue