Press
Agency

Porto Ancona: al via elettrificazione banchina 17

Lavori dovrebbero essere completati nel giro di due mesi

Al via ieri i lavori per elettrificare la banchina numero 17 del porto di Ancona, che dovrebbe essere completata nel giro di due mesi. L'impianto si aggiunge così a quello già operativo alla banchina 3, dove ormeggiano i rimorchiatori, ed a quello attivo al terminal dello stabilimento Fincantieri. Il costo dell'intervento è pari a 233.000 Euro. 

"La speranza in questo fase è di poter spendere i finanziamenti che ci sono stati assegnati nei tempi giusti e per questo con la struttura tecnica dell'ente abbiamo puntato a dare priorità a ciò che serve al porto: banchine che funzionano bene ed un'accelerazione sui dragaggi degli scali", ha sottolineato il presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico centrale, Vincenzo Garofalo.

I lavori permetteranno alle navi ormeggiate di allacciarsi, mediante le tre colonnine, alla rete elettrica, così da poter spegnere, in fase di sosta in porto, i motori dedicati all'alimentazione delle attrezzature e degli impianti di bordo, per utilizzare i propulsori elettrici silenziosi e sostenibili. La progettazione degli interventi di elettrificazione delle banchine interessa i porti di Ancona, Pescara, Pesaro, San Benedetto ed Ortona. 

FincantieriFincantieri

"C'è la necessità di realizzare le opere in tempi rapidi per garantire lo sviluppo degli scali e dei traffici. Indispensabile per il porto di Ancona avere collegamenti stradali, ferroviari e direi anche aeroportuali per un sistema logistico integrato così da sviluppare i traffici. L'Autorità portuale dell'Adriatico centrale rappresenta la porta d'ingresso delle aree industriali del Centro Italia e per questo spero che il prossimo Governo punti a rafforzare i collegamenti dei porti-core ai corridoi europei", ha dichiarato il parlamentare della commissione Trasporti della Camera dei deputati, Edoardo Rixi

Tra i progetti, finanziati per 11 milioni di Euro, c'è il cold ironing affidato di recente a Sogesid, società in house dei ministeri della Transizione ecologica (Mite) e delle Infrastrutture e mobilità sostenibili (Mims). L'azienda accompagnerà nei prossimi cinque anni l'Autorità portuale fornendo supporto tecnico ingegneristico sia nella fase progettuale che realizzativa.

Suggerite

All'orizzonte c'è Hopium Machina, la supercar all’idrogeno firmata Olivier Lombard

Annunciato il prototipo della nuova vettura categoria Zev -VIDEO

Il vincitore della 24 Ore di Le Mans 2011, Olivier Lombard, e fondatore di Hopium, casa automobilistica francese nata nel 2019, arricchisce il parco auto con la nuova supercar ad idrogeno Hopium Machina.... segue

Container: profitti record per questo settore dei trasporti

Enormi ricavi e vivida ripresa post-pandemia. Ma la logistica non regge il passo...

Il trasporto marittimo sta facendo affari d’oro negli ultimi anni, sfruttando il volume ed il prezzo dei trasporti. Secondo il rapporto di Allianz Trade di alcuni giorni fa, il volume del commercio mondiale d... segue

Al via studio sulle correnti del Mar Ligure

Raccolta complessa dati per comprendere impatto su ambiente ed attività economiche

Realizzato un esperimento scientifico per studiare le correnti nel Mar Ligure e comprenderne, attraverso la comprensione delle dinamiche e delle proprietà biochimiche, l'impatto sull'ambiente e sulle... segue