Press
Agency

Stellantis investe in trasformazione presenza industriale in Italia

Per lo sviluppo di un’attività sostenibile

Stellantis ha annunciato oggi due nuove importanti iniziative riguardanti la sua presenza industriale in Italia, volte a sostenere gli ambiziosi obiettivi di decarbonizzazione ed a far progredire la trasformazione della catena del valore dell’elettrificazione globale.

L'industria ed il suo partner di joint-venture, Punch Powertrain, hanno sottoscritto un nuovo accordo per incrementare la produzione di trasmissioni elettrificate a doppia frizione (eDct) di futura generazione per i veicoli ibridi e ibridi elettrici plug-in (Phev) di Stellantis. L’intesa punta a soddisfare la crescente domanda di auto elettriche e a raggiungere gli importanti obiettivi presentati nel piano strategico Dare Forward 2030. L’impianto aggiornato troverà posto nel complesso di Mirafiori a Torino, in Italia, andrà a integrare l’attuale capacità produttiva di Metz, in Francia.

L’azienda ha inoltre annunciato che il comprensorio di Mirafiori ospiterà il suo principale hub per l’economia circolare. Lo stabilimento inizierà a operare con tre attività progettate per aumentare la sostenibilità produttiva: rigenerazione di componenti, ricondizionamento e smantellamento di veicoli. L’obiettivo è quello di espandersi ulteriormente a livello globale. Tale iniziativa si basa sulle competenze attualmente in possesso dell’azienda e rappresenta un ulteriore importante passo nell’attuazione del piano strategico per la business unit economia circolare di Stellantis. Quest’ultima mira a quadruplicare i ricavi derivanti dall’estensione della vita utile di componenti e servizi e ad aumentare di 10 volte, rispetto al 2021, i ricavi ottenuti dal riciclo entro il 2030.

La joint-venture al 50% tra Stellantis e Punch Powertrain, denominata e-Transmissions Assembly, produce e fornisce eDct innovative per la nuova generazione di modelli ibridi e Phev dell’azienda. Il suo contributo aiuterà Stellantis a elettrificare ulteriormente il proprio portafoglio di marchi con soluzioni pulite, sicure e accessibili.

L’avvio della produzione del nuovo sito e-Transmissions Assembly di Mirafiori è previsto per la seconda metà del 2024. A regime, gli impianti di Mirafiori e Metz, in Francia, saranno fornitori di tutti gli stabilimenti produttivi Stellantis in Europa.

La business unit economia circolare di Stellantis è una delle sette unità organizzative a crescita graduale annunciate nel piano Dare Forward 2030. La sua attività a 360° è basata sulla strategia delle 4R: riparazione, riutilizzo, rigenerazione e riciclo. Come business unit indipendente, genererà un fatturato di oltre 2 miliardi di euro nel 2030.

L’annuncio di oggi conferma che il principale hub globale per l’economia circolare sarà lanciato nel 2023 nel comprensorio di Mirafiori. L’operazione consentirà di espandere le attuali attività di Stellantis e di sostenere il modello di business “cradle-to-cradle” in Europa. Seguiranno annunci a supporto dell'azienda a livello globale.

Nel corso di un incontro tenutosi a marzo 2022 con la Regione Piemonte, il Comune di Torino e l’Associazione industriale di Torino, Stellantis ha ribadito il suo impegno costante nei confronti dell’Italia per migliorare le proprie prestazioni. L’attenzione è stata rivolta in particolare alla Regione Piemonte, per valorizzare il “Turin Manufacturing District”, di cui entrambi gli stabilimenti farebbero parte. Il Turin Manufacturing District è un polo di produzione di veicoli, centro dell’ingegneria dell’elettrificazione e cuore del design di iconici marchi italiani.

Ulteriori iniziative a sostegno di questo impegno e volte ad accelerare la trasformazione dell'azienda verso l’elettrificazione globale includono:

Lo stabilimento di Melfi e quello di Sochaux, in Francia, ospiteranno la nuova piattaforma elettrica denominata Stla Medium, progettata specificamente per il mercato dei veicoli elettrici a batteria (Bev) con un elevato livello di flessibilità ed un’autonomia prevista fino a 700 chilometri (440 miglia).

Automotive Cells Company (Acc), di cui Stellantis è partner con una quota del 33%, intende realizzare a Termoli un terzo stabilimento europeo per la produzione di celle per batterie. L’operazione si baserà sulla riconversione di un impianto esistente della società e punterà a supportare la produzione di batterie per i veicoli elettrici.

La progressiva elettrificazione in corso di tutti gli stabilimenti italiani per la produzione di nuovi modelli elettrici o a basse emissioni.

Negli ultimi quattro anni, la società ha investito oltre 5 miliardi di Euro nelle attività italiane per la realizzazione di nuovi prodotti e siti produttivi. L’azienda si occupa anche di formazione con l’obiettivo di riqualificare e migliorare le competenze dei propri dipendenti. Per questo motivo proseguirà la proficua collaborazione con il Politecnico di Torino che ha portato alla creazione di un campus di design e mobilità sostenibile all’interno dell’area di Mirafiori.

Collegate

Basilicata riflette sulle parole di Tavares (Stellantis)

Amendola: "Il futuro a Melfi è un grande tema di interesse meridionale e nazionale"

A poche ore dall'annuncio del Gruppo automobilistico Stellantis riguardo il sostegno a due progetti di decarbonizzazione ed elettrificazione in due fabbriche italiane, come anticipato da Mobilità.news... segue

Suggerite

All'orizzonte c'è Hopium Machina, la supercar all’idrogeno firmata Olivier Lombard

Annunciato il prototipo della nuova vettura categoria Zev -VIDEO

Il vincitore della 24 Ore di Le Mans 2011, Olivier Lombard, e fondatore di Hopium, casa automobilistica francese nata nel 2019, arricchisce il parco auto con la nuova supercar ad idrogeno Hopium Machina.... segue

Provincia Varese sperimenta più sicurezza su autobus, treni e nelle stazioni

Stretto oggi l'accordo fra Regione Lombardia, Prefettura e Polizia locale

Agenti circoleranno oltre che sui treni anche a bordo degli autobus, dove sempre più frequentemente si registrano episodi di microcriminalità a danno di passeggeri e personale viaggiante

Da domani stop alle mascherine sui mezzi pubblici

Decade dal primo ottobre l’obbligo su treni, metro e bus

In mancanza di un’ulteriore proroga del Governo, i dispositivi FFP2 non dovranno essere esibiti su mezzi pubblici, treni (regionale, intercity ed alta velocità), autobus e metro. Dopo due anni pertanto, te... segue