Press
Agency

Mercedes vuole ridurre il consumo di gas

Ed annuncia creazione di un grande impianto fotovoltaico

Il management della casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz sta approntando delle misure con cui punta a ridurre del 50% il consumo di gas. L'amministratore delegato Ola Kaellenius ha dichiarato che a luglio erano stati già tagliati i consumi del 10%. Al momento, però, non risulta aver superato quella soglia.

"Siamo pronti a farlo da un momento all'altro. Vediamo cosa ci aspetta all'orizzonte", perché tutti i piani di emergenza per prevenire un'interruzione della produzione dipendevano dalle reti di fornitori che riuscivano a consegnare i componenti", ha avvertito il presidente della casa automobilistica Joerg Burzer.

Intanto, Mercede-Benz ha previsto la costruzione di un parco eolico con una potenza di oltre 100 MW nella pista di prova a Papenburg, nella Germania settentrionale. Con questa mossa l'azienda punta a produrre il 15% della domanda annuale di elettricità di Mercedes-Benz in Germania, un modo per ridurre il consumo di gas.

L'annuncio fa eco a quanto sostenuto nelle scorse ore dal management del Gruppo tedesco dell'auto Volkswagen, secondo cui l'azienda ha già ridotto il consumo di gas di oltre il 20%. Tuttavia, da Volkswagen hanno anche ribadito che se i fornitori europei non resisteranno all'aumento dei prezzi del gas ciò impatterà sulle catene di approvvigionamento. Pertanto, esplorava misure a breve termine: l'uso di navi e treni, fornitori all'estero. 

Suggerite

All'orizzonte c'è Hopium Machina, la supercar all’idrogeno firmata Olivier Lombard

Annunciato il prototipo della nuova vettura categoria Zev -VIDEO

Il vincitore della 24 Ore di Le Mans 2011, Olivier Lombard, e fondatore di Hopium, casa automobilistica francese nata nel 2019, arricchisce il parco auto con la nuova supercar ad idrogeno Hopium Machina.... segue

Provincia Varese sperimenta più sicurezza su autobus, treni e nelle stazioni

Stretto oggi l'accordo fra Regione Lombardia, Prefettura e Polizia locale

Agenti circoleranno oltre che sui treni anche a bordo degli autobus, dove sempre più frequentemente si registrano episodi di microcriminalità a danno di passeggeri e personale viaggiante

Da domani stop alle mascherine sui mezzi pubblici

Decade dal primo ottobre l’obbligo su treni, metro e bus

In mancanza di un’ulteriore proroga del Governo, i dispositivi FFP2 non dovranno essere esibiti su mezzi pubblici, treni (regionale, intercity ed alta velocità), autobus e metro. Dopo due anni pertanto, te... segue