info

cancel

directions_boatPartita dal porto di Genova la megaturbina di Ansaldo Energia

Destinata a Edison Marghera, alimenterà l'impianto termoelettrico più efficiente d’Europa

Fincantieri

È partita da Genova la megatrurbina prodotta da Ansaldo Energia. È la turbina a gas GT36 di cui BigLift Shipping, tramite l’agente commerciale per l’Italia HB Shipping, ha finalizzato il trasporto dal porto di Genova con destinazione Marghera. Questa turbina è stata interamente prodotta negli stabilimenti Ansaldo Energia di Genova ed è considerata la più potente e performante mai realizzata in Italia. In totale la turbina pesa 578 tonnellate, tanto quando 400 auto, e ha una lunghezza di quasi 13 metri, quanto un pullman gran turismo: in verticale, sarebbe alta quanto una palazzina di quattro piani.

È stata Fagioli, società di engineering nei trasporti, spedizioni, sollevamenti e movimentazioni eccezionali, a completare con successo l’imbarco. Le operazioni di trasporto e movimentazione in banchina hanno impiegato carrelli semoventi spmt (self propelled modular transporter) combinati in due linee per una portata di oltre 1.000 tonnellate. La turbina raggiungerà la centrale termoelettrica Edison di Marghera Levante dove gli ingegneri della Fagioli hanno previsto lo sbarco con l’utilizzo di una chiatta oceanica, il trasporto mediante spmt e, infine, l’installazione con l’utilizzo di gantry cranes della portata combinata pari a 1200 tonnellate. Le operazioni di sbarco e di posa sulle fondazioni della turbina saranno ultimate entro la fine del 2020, mentre la centrale termoelettrica Edison a Marghera Levante. entrerà in esercizio nel 2022 e sarà l’impianto più efficiente d’Europa.

Il viaggio avverrà con la nave Happy River dell’armatore olandese BigLift Shipping, nave in grado di sollevare sino a 800 tonnellate. Insieme alla GT36, verrà imbarcato anche il diffusore, un componente a valle della turbina stessa, del peso di 110 tonnellate. La nuova turbina avrà una potenza elettrica complessiva di 780 MW e un rendimento energetico pari al 63%, il più alto reso disponibile oggi dalla tecnologia. Questo si traduce in un abbattimento delle emissioni specifiche di CO2 del 40% rispetto alla media dell’attuale parco termoelettrico italiano e di quelle di ossidi di azoto (NOX) di oltre il 70%.

La GT36 è a oggi la macchina più potente del portafoglio prodotti dell’azienda e la turbina più potente e performante mai realizzata in Italia. Il progetto, inclusa ricerca e sviluppo, si è sviluppato in sette anni, con un impegno di più di 3,7 milioni di ore lavorate. Soprannominata Monte Bianco in quanto top europeo per potenza, questa turbina è in grado di supportare il consumo di energia elettrica di quasi 250.000 appartamenti.