info

cancel

flightL'intelligenza artificiale si impadronisce degli aeroporti cinesi

Entro il 2022 anche agenti virtuali e chatbot al posto degli operatori ai desk

Non solo sistemi di biometria per i gate d’imbarco, come già succede oggi. Entro il 2022 ci saranno anche agenti virtuali e chatbot al posto degli operatori ai desk aeroportuali in Cina. È la stima che emerge dal report China IT Insights di Sita, fornitore globale di tecnologie per il trasporto aereo, secondo cui l’88% delle compagnie aeree e degli aeroporti in Cina guarda all’Intelligenza artificiale come a una tecnologia chiave per fornire un’esperienza di viaggio più personale.

Si tratterà di un’ulteriore impennata dell’uso dell'intelligenza artificiale in Cina, dove già oggi quasi la metà delle compagnie aeree (43%) ha implementato servizi di customer service basati sull’intelligenza artificiale. Si tratta di investimenti che rispondono alla domanda di assistenti digitali del 40% dei passeggeri di aerolinee e scali cinesi.

"Aeroporti e compagnie aeree in Cina vantano una lunga esperienza nell’adozione di tecnologie e soluzioni self-service. Grazie all’intellogenza artificiale saranno in grado di fornire più servizi, più veloci e a un numero maggiore di persone", spiega May Zhou, vice presidente e general manager di Sita Cina.

Le nuove tecnologie stanno rapidamente affermandosi nel mercato delle soluzioni aeroportuali. Gate di imbarco self-service biometrici sono attivi nel 27% degli scali; in soli tre anni il dato salirà al 66%. E più della metà degli scali ha in previsione l’utilizzo di un singolo token biometrico per tutti i checkpoint durante il viaggio. Il 60% delle compagnie aeree prevede di adottare la biometria entro i prossimi tre anni.

Non basta: entro il 2022 le compagnie aeree e del 93% degli aeroporti cinesi investiranno in servizi via mobile. Oggi le aerolinee forniscono già servizi mobile che includono ricerca voli, offerte, check-in, notifiche sullo stato del volo. Una compagnia su cinque utilizza i dispositivi mobili anche per vendere ai passeggeri giornali, riviste, film e tv. Inoltre gli aeroporti in Cina incoraggiano i passeggeri a usare smartphone e tablet per i pagamenti: quasi tre scali su quattro consentono ai viaggiatori di acquistare servizi aeroportuali pagando cashless tramite mobile. Anche la blockchain rappresenta un’altra area chiave di investimento delle compagnie aeree cinesi: solo il 24% ha in piano iniziative e sperimentazioni per questa tecnologia, ma entro il 2022 il dato salirà all’80%.