info

cancel

directions_boatFincantieri, possibile aumento di capitale

Si parla di 1,5 miliardi di euro a inizio 2021

Fincantieri

Fincantieri sta valutando diverse opzioni per compensare il colpo inferto alle sue finanze dalla pandemia: lo hanno riferito fonti del gruppo a Bloomberg. "Le potenziali azioni allo studio includono un aumento di capitale fino a 1,5 miliardi di euro (1,8 miliardi di dollari) che potrebbe essere approvato all’inizio del prossimo anno - scrive l’agenzia americana - L’azienda sta valutando diverse opzioni per operazioni straordinarie, come fa abitualmente. Nessuna decisione è stata ancora presa", ha aggiunto la fonte citata da Bloomberg.

Le azioni Fincantieri sono calate di circa il 33% da inizio anno: se l’aumento di capitale andasse in porto, sarebbe superiore all’intera capitalizzazione di mercato della società, che è di poco superiore al miliardo di euro. Fincantieri ha dichiarato a novembre che i volumi di produzione sono diminuiti del 19% rispetto alle stime precedenti che non tenevano conto dell’impatto del covid-19. L’indebitamento finanziario netto è quasi raddoppiato a 1,43 miliardi di euro rispetto al 2019. Cassa depositi e prestiti detiene una partecipazione del 71% nella società, mentre il resto delle azioni è detenuto da investitori privati, fa notare Bloomberg.

Negli ultimi mesi - riporta Bloomberg - la società ha lavorato per finalizzare una fusione con il cantiere navale francese Chantiers de l'Atlantique, ma il processo è stato ritardato per dare alle autorità di regolamentazione dell'Ue il tempo di decidere sulla transazione. Lo scorso gennaio ha creato Naviris, joint venture con Naval Group per cooperare nel settore militare.