info

cancel

directions_boatCinzia Zincone nuovo commissario del porto di Venezia

Prende il posto di Pino Musolino che va a Civitavecchia

Fincantieri

Dopo l’intesa trovata con il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e il necessario passaggio parlamentare, il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti ha ufficialmente nominato Pino Musolino, già presidente e poi commissario dell’AdSP del Mare Adriatico Settentrionale (porti di Venezia e Chioggia), alla guida dell’AdSP del Mar Tirreno Centro-Settentrionale (scali di Civitavecchia, Fiumicino e Gaeta), dove prenderà il posto di Francesco di Majo e avrà il suo daffare, a partire dalla situazione contabile, con il bilancio di previsione non approvato.

Intanto il dicastero di Porta Pia ha nominato come commissario per i porti di Venezia e Chioggia il provveditore alle Opere pubbliche del Veneto Cinzia Zincone, una delle figure chiave nella gestione del Mose insieme al commissario Elisabetta Spitz, il cui nome nelle ultime settimane è circolato con insistenza proprio per la presidenza dell’ente portuale. Zincone, che ha 66 anni, è anche attuale provveditore interregionale: è stata lei, insieme a Elisabetta Spitz, a dirigere i lavori che, negli ultimi mesi, hanno portato a fare entrare in funzione il sistema a difesa della laguna. Zincone prende il posto di Musolino il quale, su Twitter, ha ricordato i "quasi quattro anni di lavoro duro, intenso, difficile", ma anche il "grande onore, una esperienza unica e un privilegio", riferendosi al suo incarico a Venezia.

Intanto a Napoli, dopo che la quasi totalità degli operatori del porto ha bocciato i 4 anni di guida dell'attuale presidente Pietro Spirito (che però ha dalla sua il Propeller Club), dal 2016 primo presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mar Tirreno centrale (che raggruppa i porti di Napoli, Castellammare e Salerno), sembra in pole per la presidenza della stessa AdSP l’attuale numero uno di Catania, Andrea Annunziata, che viene considerato vicino al presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.