Press
Agency

247 priorità infrastrutturali evidenziate dal mondo economico

AV Salerno-Reggio Calabria e Napoli-Bari, Gronda di Genova, ferrovia Adriatica tra le opere prioritarie

Valore complessivo: 200 miliardi di Euro; poco più della metà già finanziate, in gran parte dal Pnrr (Piano nazionale ripresa e resilienza) e da risorse pubbliche

L’Alta velocità Salerno-Reggio Calabria e Napoli-Bari, la linea ferroviaria Adriatica, il nuovo collegamento tra Catania e Palermo, la Gronda di Genova, l’ammodernamento della Statale jonica. Sono alcune delle priorità più onerose, ritenute necessarie dalle imprese per assicurare un adeguato sviluppo infrastrutturale del Paese. Nel complesso, le priorità infrastrutturali di livello 1 sono 247. Il loro valore è di oltre 200 miliardi di Euro, il 52% dei quali, per complessivi 104,5 miliardi di Euro, già finanziati con risorse previste dal Pnrr (Piano nazionale ripresa e resilienza), dai fondi comunitari e da investimenti privati. Alcuni interventi sono affidati ai commissari straordinari di Governo che, sul modello del Ponte di Genova, dovranno seguirne la realizzazione e velocizzarne l’iter. Questi alcuni degli elementi di sintesi dell’articolato e corposo lavoro svolto nell’arco di 15 mesi da Uniontrasporti che, con il concorso delle Camere di commercio e di Unioncamere, ha realizzato 19 libri bianchi regionali che descrivono i contesti territoriali, i punti di forza e di debolezza delle infrastrutture a livello locale, le esigenze e le priorità del sistema produttivo. Il quadro di sintesi viene presentato e discusso oggi e domani, nel corso di un evento organizzato con Unioncamere a Roma. 

Complessivamente, gli interventi segnalati dai territori sono 516. Di questi, 247 sono identificati come "priorità livello 1". Delle 247 priorità, 50 sono inserite nel Pnrr con un investimento complessivo di 85,5 miliardi di Euro e 45 risultano tra quelle affidate ad un commissario straordinario di Governo. Dei 247 interventi prioritari, il 39% riguarda le regioni del Mezzogiorno, il 21% quelle del Nord-Est, il 21% quelle del Centro ed il 19% quelle del Nord-Ovest. Il sistema viario è il più coinvolto: il 44% delle priorità interessa questa via di transito, il 33% riguarda invece il sistema ferroviario, il 6% quello portuale, il 6% quello interportuale ed il 5% quello aeroportuale. Il restante 6% è relativo al sistema idroviario, ciclabile ed alla governance. Gli interventi relativi al sistema viario e ferroviario assorbono oltre il 90% del valore economico complessivo, mentre i nodi (porti, interporti ed aeroporti) si fermano a 11,5 miliardi di Euro (5%). Il valore degli interventi prioritari per rilanciare il Mezzogiorno supera i 90 miliardi di Euro, di cui 57 dedicati al sistema ferroviario. I primi 10 interventi più onerosi assorbono il 40% del valore totale di oltre 200 miliardi di Euro. Le opere più costose sono l’Alta velocità Salerno-Reggio Calabria, il completamento e la messa in sicurezza della A2 Autostrada del Mediterraneo, l’ammodernamento della Statale Jonica, tutti interventi particolarmente sollecitati dalle imprese calabresi; la linea ferroviaria Adriatica, indicata dalle imprese marchigiane; il potenziamento infrastrutturale e il raddoppio della linea Pescara-Roma, segnalata dagli imprenditori abruzzesi; la realizzazione dell’Alta Velocità/Alta capacità Napoli-Bari, indicata dalle imprese campane; il nuovo collegamento AV/AC Palermo Catania ed il completamento del raddoppio della linea ferroviaria Palermo-Messina, particolarmente cari alle attività siciliane; la Gronda di Genova e la realizzazione della bretella Carcare-Predosa, alle quali sono molto interessate le imprese liguri. 

La mappa delle infrastrutture in Italia 

L’analisi realizzata nei 19 libri bianchi regionali scatta una fotografia dello stato delle infrastrutture italiane e delle aree di forza e di debolezza dei nostri territori. Guardando alla rete stradale, le performance migliori sono quelle del Nord-Ovest e Nord-Est e dell’area costiera che va da Roma a Salerno. Nelle prime 10 posizioni della classifica figurano i territori che presentano un’elevata consistenza di rete stradale e soprattutto di categoria autostradale. Ai primi posti, quindi, Milano, Roma, Napoli, Verona e Bologna. 

Anche per il sistema ferroviario le prime 10 posizioni della classifica premiano soprattutto le aree settentrionali, Nord-Ovest e Nord-Est, e i territori che presentano un’elevata consistenza di rete ferroviaria elettrificata. Le province meno performanti sono quasi tutte caratterizzate dalla totale assenza o la scarsa significatività di servizi ferroviari di elevata qualità a cui, in alcuni casi, si associa anche un livello modesto di infrastrutturazione (è il caso della Sardegna, in cui l’intera Regione è sprovvista di rete elettrificata, ma anche di territori come Aosta, Biella, Belluno, Crotone, Ragusa e Trapani). 

Per quanto riguarda i porti, solamente 12 territori su 105 presentano un livello di infrastrutturazione elevato: Livorno, Genova, Trieste, Napoli, La Spezia, Messina, Massa Carrara, Savona, Salerno, Pisa, Lucca e Gorizia, con una prevalenza , quindi, di province del Centro-Nord, in particolare di Liguria e Toscana, ma anche del Nord Est, con l’eccellenza del territorio triestino. Nel Mezzogiorno, emergono i territori di Napoli (quarta posizione), Salerno (nona posizione) e Messina (sesta). 

Le infrastrutture aeroportuali (così come quelle portuali e logistiche) non esauriscono la domanda potenziale nell’ambito della provincia in cui sono fisicamente collocate, ma –se ben collegate- estendono la loro influenza anche su territori limitrofi. Si può quindi comprendere la presenza nella Top 10 di province che non possiedono un aeroporto nei loro confini, ma che sono molto prossime a province con grandi aeroporti. Complessivamente si osservano solamente 30 territori su 105 con un valore dell’indicatore elevato. Le prime dieci posizioni, con l’eccezione di Roma (che si trova al primo posto) sono monopolizzate dalle province del Nord, in particolare in Piemonte ed in Lombardia. Le province più penalizzate, invece, sono Sondrio, Bolzano, Caltanissetta, Grosseto, Potenza, Agrigento e Campobasso. 

Per quanto riguarda la logistica, complessivamente l’analisi mostra che solamente 13 territori su 105 vantano una infrastrutturazione elevata. Le prime dieci posizioni sono monopolizzate dalle province del Nord-Est, in particolare in Veneto ed Emilia-Romagna (dove di fatto si concentrano i principali nodi logistici). Nel Mezzogiorno emergono solo le province campane e l'area appulo-lucana, mentre il Salento, la Calabria, la Sardegna e la Sicilia Occidentale presentano livelli infrastrutturali logistici molto bassi. 

Suggerite

Porto di Brindisi: sequestrate migliaia di paia di scarpe contraffatte

Ingente carico di merce proveniente da Paesi dell'est Europa

I funzionari Adm di Brindisi, in sinergia con i finanzieri del Gruppo di Brindisi, nell’ambito dei quotidiani servizi di vigilanza operati negli spazi doganali del porto, hanno sequestrato un ingente c... segue

Entro 13 febbraio domande per entrare in Marina

Intanto apre reclutamento per 22 ufficiali da inserire nell'Esercito

Il ministero della Difesa ha pubblicato un bando per il reclutamento di 22 ufficiali in servizio permanente nel ruolo normale dell'Esercito. Tra questi sono ricompresi i posti orientati a soddisfare le... segue

Trenord: dati viaggiatori nel 2022 per Malpensa

Passeggeri servizio aeroportuale tornati ai numeri 2019

Nel 2022 3,8 milioni di passeggeri hanno scelto "Malpensa Express" per raggiungere lo scalo internazionale: a tre anni dall’inizio della pandemia, i viaggiatori del collegamento aeroportuale di Trenord s... segue