Press
Agency

Incidente stradale mortale a Parma

Uomo di 67 anni deceduto nello scontro frontale tra auto e camion

Tragico incidente stradale nel parmense. Un uomo di 67 anni, Fabrizio Ferrari, originario di Langhirano, è deceduto nello schianto della sua auto contro un camion che procedeva nel senso di marcia opposto. Inutile l'intervento del soccorso medico, per il conducente non c'è stato più nulla da fare. 

Secondo la ricostruzione del sinistro, la Peugeot 206 blu di Ferrari procedeva lungo la provinciale 30 in direzione Ponte Vettigano, a Reggio Emilia. Intorno alle ore 12:00 di mercoledì primo marzo il veicolo si è scontrato frontalmente con un camion Iveco che percorreva il senso di marcia opposto. Ignote al momento le cause del salto di corsia. Il sinistro è avvenuto tra Campagnola e Rio Saliceto, nei pressi della rotonda e la strada per Fabbrico. 

La dinamica dell'incidente è al vaglio dei Carabinieri. Incolumi i due occupanti del camion: un ragazzo di 37 anni di Mantova che guidava il mezzo pesante ed un passeggero che viaggiava con lui. Sul luogo dell'incidente sono intervenuti i Vigili del Fuoco, che hanno estratto il corpo della vittima dalle lamiere. Ferrari lascia una figlia e la compagna, oltre ad un fratello. 

Suggerite

G7. Anas: personale e mezzi presidiano arterie per passaggio delegazioni

Completati lavori sulla rete stradale per oltre 21 milioni di Euro

Dalla serata di ieri oltre 50 unità e mezzi Anas sono impegnati per presidiare gli svincoli e gli innesti con le principali strade statali in Puglia per garantire in piena sicurezza il passaggio delle... segue

Il settore della micromobilità in sharing è a rischio?

"I dati dimostrano che monopattini non necessitano obbligo casco"

Il futuro della mobilità in sharing in Italia rischia un forte ridimensionamento. Dopo l’approvazione alla Camera dei deputati lo scorso 27 marzo, il DdL 1086 sul nuovo Codice della strada, in caso di... segue

Tensioni sui dazi auto cinesi (2)

Bruxelles: "Garantiremo concorrenza leale"; Cina: "Difenderemo nostri interessi legittimi"

Le reazioni globali non si sono fatte attendere. La decisione della Commissione europea di aumentare dal 4 luglio i dazi (fra il 7,4% ed il 38,1%) sulle auto elettriche prodotte in Cina ha alimentato le... segue