info

cancel

directions_carIl mercato dei rimorchi rimbalza a novembre

Il rialzo del 23,8% però non serve a colmare il gap degli undici mesi (-22,5%)

È una fine d'anno molto difficile per il mercato dei rimorchi e dei semirimorchi con massa totale a terra superiore a 3,5t. A novembre il settore ha registrato un aumento delle immatricolazioni del 23,8% pari a 1.382 unità. Il dato sembra incoraggiante ma da sollo non basta a colmare il gap che ormai si evidenzia in tutta la sua drammaticità con il 2019: il dato consolidato dei primi undici mesi del 2020, infatti, crolla comunque a -22,5% rispetto allo stesso periodo del 2019 quando sono state immatricolate 10.345 unità in 11 mesi. La stima arriva direttamente dal centro studi Unrae, l’associazione delle case d’auto estere, sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal ministero delle Infrastrutture e dei trasporti.

"È al dato consolidato che dobbiamo guardare per farci una idea realistica dell’andamento del mercato in prossimità della chiusura di un anno caratterizzato da forti anomalie", commenta Paolo Starace, presidente della sezione veicoli industriali di Unrae, ricordando che le serie mensili hanno risentito di una certa instabilità sia per la discontinuità degli incentivi che per l’emergenza covid.

"Per quanto riguarda i veicoli trainati - sottolinea Starace - dobbiamo ancora ribadire alcune osservazioni di carattere specifico, che Unrae va sottolineando ormai da tempo, ma senza che al comparto sia mai stata data la dovuta attenzione da parte dal Decisore politico o dall’amministrazione dello Stato".

Osservando le prenotazioni arrivate nei termini previsti per il primo periodo di incentivazione agli investimenti per il 2020 e il 2021, si può notare che è stato impegnato per rimorchi e semirimorchi solo il 71,9% dell’importo disponibile.