Press
Agency

Bosch Bari: incontro monitoraggio stato attuazione protocollo di intesa

"Rimangono elementi di incertezza" secondo Fim-Cisl in una nota

Presso la Regione Puglia, in modalità mista, si è tenuto ieri un incontro di verifica dello stato di attuazione del protocollo d’intesa siglato il 22 luglio 2022. Alla riunione erano presenti: il Sepac, i rappresentanti di Bosch e le delegazioni nazionali e territoriali delle organizzazioni sindacali e della Rsu aziendale. 

Bosch ha confermato le prospettive di drastica riduzione delle attività sui motori diesel, le quali determinano la necessità di ridefinire la vocazione industriale dello stabilimento di Bari. L’impegno di ricercare nuove produzioni da portare in Puglia, al fine di ridurre al massimo l’impatto degli esuberi che si andrebbero a determinare nel 2027, ad oggi ha generato la piena attività per circa 260 lavoratori, grazie all’arrivo dagli stabilimenti di Repubblica ceca e Germania di produzioni legate al motore endotermico (pompe GP40, CP4 e coperchi pompa) e di componenti per bici elettriche. 

Nell’apprezzare quanto fatto dall’azienda e nella consapevolezza delle difficoltà oggettive determinate dalla transizione dal diesel all’elettrico (la componentistica del quale, in termini di lavoro, rappresenta una frazione del lavoro necessario a produrre un motore tradizionale), Fim ritiene imprescindibile uno sforzo ed un impegno ancora maggiore da parte Bosch, la quale, in prospettiva, dovrà anche cogliere l’opportunità di industrializzare su Bari i frutti della ricerca che viene realizzata presso il Cvit.

Da luglio dello scorso anno ad oggi, attraverso le uscite volontarie ed incentivate previste dall’accordo siglato a luglio 2022, i dipendenti sono scesi da 1678 a 1609; inoltre, si inizia a registrare anche qualche successo nelle politiche di outplacement. 

Nella gestione della crisi, tuttavia, Fim ritiene debba essere privilegiata la ricerca di nuove attività, al fine di garantire quella massa occupazionale che rappresenta un valore aggiunto per la prospettiva industriale di lungo periodo dello stabilimento e per la funzione di volano dello sviluppo che Bosch può esercitare sul territorio pugliese.

È stato inoltre confermato il forte impegno relativo alla formazione dei lavoratori (per un totale 32.600 ore), il quale prevede anche l’importante contributo della Regione Puglia. 

Fim chiede la convocazione al Mimit di un tavolo di confronto con le parti, affinché gli investimenti pubblici previsti per le nuove tecnologie della transizione, possano essere impiegati anche a sostegno del piano di riconversione dello stabilimento di Bari.

Il sindacato ritiene altresì urgente un confronto al tavolo del ministero del Lavoro per verificare con quali ammortizzatori sociali dare continuità di copertura ai lavoratori coinvolti dal piano di riconversione da qui al 2027.

Suggerite

Prezzo del diesel in aumento

Al servito a 1,997 Euro al litro, diesel a 1,874 Euro al litro

Prezzo del diesel in aumento. È quanto emerge dall’elaborazione compiuta dal sito specializzato "Staffetta Quotidiana" sui dati comunicati all’Osservaprezzi del ministero delle Imprese e del Made in I... segue

Auto elettriche cinesi conquistano l'America Latina

Usa ed Europa impongono dazi commerciali sulle importazioni di Pechino

Aumentata in modo esponenziale negli ultimi mesi l’esportazione di veicoli elettrici cinesi nei Paesi dell'America Latina. In particolare in Brasile e Messico, dove i marchi automobilistici del Dragone h... segue

Ferrari inaugura e-building

Nuovo stabilimento produrrà auto elettriche nel 2025

Il presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella è oggi a Maranello (Modena) per l'inaugurazione dell’e-building della società automobilistica Ferrari. Si tratta di una nuova fabbrica, dotata di t... segue