info

Transport press agency

trainFerrovie dello Stato si aggiudica contratto per la metropolitana del Cairo

I lavori verranno gestiti dalla controllata Italferr

Dopo la Colombia, ora anche l’Egitto. Il Gruppo Ferrovie dello Stato guarda all’Africa con un contratto nuovo di zecca che ha a che fare con l’ammodernamento e il potenziamento della linea 1 della metropolitana del Cairo dal punto di vista tecnologico. Il bando è stato vinto da Italferr, società controllata di Fs che garantisce l’espansione internazionale della casa madre esportando il suo know-how. Si tratta di un progetto molto ambizioso: i finanziamenti sono arrivati dalla Bers (Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo), mentre l’intera gestione è stata affidata a un’agenzia governativa egiziana, vale a dire la National authority for tunnels (Nat). 

L’alimentazione elettrica delle stazioni dovrà essere aggiornata, come anche le varie segnalazioni e le telecomunicazioni, il tutto all’insegna della modernità e della sicurezza. Il contratto ha delle caratteristiche ben precise: Italferr sarà attiva in Egitto per un tempo pari a 18 mesi, mentre il valore economico complessivo della commessa ammonta a un milione di Euro, comprensivo di assistenza per quel che concerne le diverse procedure di approvvigionamento del cliente. 

Il Cairo, città che vanta 10 milioni di abitanti, ha tre linee della metropolitana che presto potrebbero diventare sei. Quella di cui si occuperà Ferrovie dello Stato esiste dal 1989 e copre 44 chilometri con 35 stazioni, una delle più utilizzate per raggiungere i punti nevralgici della capitale africana; collega la stazione New El Marg con quella di Helwan e quella di Al-Shohadaa si trova in corrispondenza della stazione ferroviaria principale.